Il giro del mondo in 184 giorni

Un’oasi ricca di spazi verdi e completamente circondata dall’acqua, dove entrare in contatto con culture e tradizioni del nostro pianeta, da nord a sud, da est a ovest. Un crocevia di stili da ammirare, usanze da scoprire e sapori da provare. Un luogo in cui immergersi con curiosità, per vivere un’esperienza inedita e irripetibile intorno al mondo del ‘food’, diventando sempre più consapevoli riguardo a tematiche nutrizionali quali il diritto a un’alimentazione sana e sicura e la sostenibilità ambientale, sociale ed economica per la salvaguardia del gusto e del cibo.

Tema di Expo Milano 2015 è, infatti, ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’. Ognuno dei paesi partecipanti mostrerà ai visitatori, attraverso le proprie peculiarità, i prodotti e le tecnologie, le proposte per risolvere i grandi problemi legati all’alimentazione. Non appena varcato uno degli ingressi, il pubblico viene immediatamente coinvolto in quest’atmosfera unica, trasformandosi così in un ‘esploratore 2.0’ pronto a viaggiare lungo le strade di Expo 2015.

La vostra avventura si dirama lungo due assi ortogonali: il Cardo e il Decumano, due vie perpendicolari che s’ispirano agli antichi accampamenti romani, dove sono situati i diversi padiglioni e i cluster, e che s’incontrano esattamente in Piazza Italia, il luogo in cui, simbolicamente, il nostro paese abbraccia il resto del mondo.
Ai quattro estremi del sito espositivo si trovano, poi, le grandi strutture destinate agli eventi: la Collina Mediterranea (il punto più suggestivo e romantico per una vista panoramica su tutta l’area), l’Expo Center, l’Open Air Theater (riservato agli eventi all’aperto) e la Lake Arena (il più grande spazio all’aperto dedicato ai visitatori, un bacino d’acqua alimentato dal canale Villoresi). Al suo centro sorge l’Albero della Vita, simbolo del Padiglione Italia: alto 37 metri, realizzato in legno e acciaio e concepito da Marco Balich come metafora della tradizione italiana (la struttura riprende infatti il disegno a 12 punte pensato da Michelangelo per il Campidoglio), è l’emblema di uno slancio verso il futuro e l’innovazione.

145 partecipanti ufficiali, tre organizzazioni internazionali e una pluralità di partecipanti non ufficiali. Protagonisti di Expo 2015 saranno infatti i paesi di tutto il mondo, con i loro padiglioni self-built o con la presenza all’interno dei cluster tematici, le organizzazioni della società civile riunite in Cascina Triulza e le aziende raggruppate nell’area corporate. È  attraverso queste diverse strutture che ogni partecipante sviluppa il tema centrale  dell’esposizione e apre le porte sul proprio universo.
Passeggiando tra il Cardo e il Decumano, lo sguardo del visitatore viene colpito da architetture avveniristiche, realizzate grazie all’utilizzo di materiali sostenibili e di ultima generazione, che rendono unico lo skyline della World Avenue. Si tratta dei padiglioni selfbuilt, tra cui quello italiano, costruiti direttamente da 50 nazioni e che colorano il  paesaggio dell’Expo, insieme alla novità dell’edizione milanese, i cluster: spazi espositivi che raggruppano i paesi in base a identità tematiche e filiere alimentari condivise, articolate nelle sezioni Riso, Caffè, Cacao e cioccolato, Cereali e tuberi, Frutta e legumi, Spezie, Zone aride, Isole mare e cibo, Bio-Mediterraneo. Ogni cluster si sviluppa in aree comuni dedicate a mercato, eventi, mostre e degustazioni.

Pagina dopo pagina, vi mostriamo alcuni dei padiglioni più significativi di Expo Milano 2015, partendo da quello che racconterà la storia, le culture, le tradizioni e le prospettive della nostra nazione: il Padiglione Italia, al cui interno spicca Palazzo Italia.

Volumi architettonici, giochi di luci e ombre, texture geometrica e innovativa. Un’architettura-scultura, situata a nord del Cardo, che richiama le opere di Land Art attraverso un intreccio di ramificazioni fortemente scenografico, che si apre verso l’alto ed è costituito da una piazza interna circondata da quattro blocchi: la zona Espositiva, la zona Auditorium- Eventi, la zona Uffici di Rappresentanza e la zona Sale Conferenze-Meeting. È il cuore di Expo 2015 e rappresenta il luogo icona del sito espositivo. A copertura dell’edificio, rivestito in cemento biodinamico, una vela dal design originale composta da vetro  fotovoltaico e campiture geometriche, che regalano luminosità e dinamicità. Palazzo Italia si sviluppa così come una ‘foresta urbana’, altamente tecnologica e d’effetto.