Intervista a Cristina Tardito

Home/Interviste/Intervista a Cristina Tardito

Intervista a Cristina Tardito

Kristina Ti, «il mio istinto sempre più libero»

Le cose stanno effettivamente un po’ così: c’è differenza tra farsele raccontare al telefono e farsele raccontare sul posto, di persona. Con Cristina, poi, che le cose se le fa proprio, la differenza diventa abissale. Allora, quando sei con lei nella sua sede, capita di cominciare a chiacchierare in una stanza gigantesca piena di mille cose – che dopo, in realtà, capisci essere tutti potenziali spunti – e scopri poi che è il suo ufficio; capita di continuare a chiacchierare lì di fianco a lei, che sta ancora disegnando.
Sì, disegnando! Vestiti, bozzetti e particolari, come nei film, in pratica…
«Tengo tutte le cose che mi piacciono, anche le più piccole, spesso sento che possono essere un’occasione di ispirazione nuova».

Poi continui a chiacchierare, passeggiando verso la macchinetta del caffè, e ti accorgi che i suoi disegni di prima, o magari non erano proprio quelli, sono in realtà già diventati dei cartamodelli; qualche metro più in là ci sono delle signore vicine alle macchine da cucire, alzano gli occhi, ti salutano cortesi e si rimettono per davvero a cucire.
«La sensazione di avere i processi produttivi, in qualche maniera, a portata di mano, mi dà la certezza di poter pensare, realizzare e controllare con rapidità e precisione; mi sento un po’ direttore creativo e un po’ amministratore unico… come in effetti è».

Le sue creazioni sono molto particolari, un mix di femminilità e carattere, con dettagli rock ed eterei: diciamo che ama i contrasti. Cosa le rende così singolari?

««A mio parere, proprio il fatto che tutte le cose che avete elencato coabitino nella stessa collezione e, a volte, nello stesso capo».

Per l’autunno-inverno 2016-’17, la donna Kristina Ti è decisamente femminile, con molti richiami rétro. Per l’estate 2017, invece, sarà più eterea. In che maniera la moda, soprattutto in questi ultimi anni, si è adeguata alle esigenze di una donna con ruoli sempre più multitasking?

«Indubbiamente, negli ultimi 50 anni la donna ha assunto sempre più ruoli all’interno della società, e ciò ha determinato che a bellezza ed eleganza si dovesse associare una maggiore funzionalità. Attenzione, ho detto associare, mai abdicare alla bellezza».

Quanto pensa che la moda influenzi la società odierna?

«Penso che moda e società si condizionino a vicenda, come è giusto che sia».

«Credo che questo nuovo store riassuma chiaramente la mia evoluzione di questi ultimi anni. Lo stile e la cura dei dettagli sono rimasti gli stessi, sono sempre io, e il mio dna non cambierà mai. Ma il forte stimolo a sperimentare che ho avuto in questa fase della mia vita mi ha portata a osare di più nelle collezioni e, quindi, anche in questa che è la loro casa». Con queste parole ha commentato l’apertura della nuova boutique di Roma. Come sta crescendo Kristina Ti?

«Anni fa mi capitava di chiedermi se un capo fosse o meno Kristina Ti. Col tempo mi sono resa conto che, come ho detto parlando del negozio di Roma, il mio dna non cambia, quindi il rischio di snaturarmi non esiste. Per questo seguo il mio istinto in maniera sempre più libera, consapevole del fatto che ogni nuova contaminazione testimonia la mia evoluzione ed è sinonimo di crescita».

2017-05-23T08:25:16+00:00