News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Tecnologicamente

di Marco Vallario

Idee di business

Torino, estate 2020

Nessuna buona idea resterà impunita, perché a coltivarle per bene ci vogliono un certo intuito, tanto sacrificio, molto studio e una grande attenzione, affinché non restino soltanto propositi, sogni infranti o peggio ancora incubi dolorosi. Quando crediamo di aver partorito una grande idea, dobbiamo chiederci se per svilupparla abbiamo calcolato tutto. Ecco quindi che, prima di metterci al lavoro sul nostro progetto, dovremo identificare tutto ciò che serve per renderlo realizzabile. Sono davvero tante le persone che incontro che stanno sviluppando un progetto senza aver analizzato con chiarezza l’opportunità, la fattibilità e la sostenibilità di ciò che hanno in mente. Non ho la pretesa di proporre la ricetta segreta, piuttosto desidero condividere con voi alcuni passaggi che ritengo obbligatori, perché, se mancano, l’unica certezza sarà un’amara conclusione.

Come prima cosa, un business di successo richiede un imprenditore consapevole e con una forma mentis ben strutturata, in grado di governare tutto in modo efficace. Ecco quindi alcuni spunti utili da tenere in considerazione. Partiamo dalla visione, poiché un focus specifico non può mancare, che sia facilmente descrivibile a chiunque e con poche parole. Non essere in grado di farci capire con facilità difficilmente porta a raggiungere ciò che si desidera. Clienti e collaboratori dovranno comprendere qual è lo scopo della nostra impresa in modo inequivocabile. La visione deve rispettare i nostri valori, quelli che ci spingono a compiere azioni che siano compatibili con ciò che riteniamo allineato ai nostri principi. Non dovremmo costruire un business che li violi, poiché alla lunga non saremo in grado di portarlo avanti. Potrà poi sembrarvi strano, ma molto spesso le nostre credenze possono limitarci nel raggiungere i risultati desiderati, a causa di convinzioni dannose che ci spingono a decidere e agire in modo errato. Disporre di conoscenze adeguate è fondamentale per costruire un progetto sano.

Quando crediamo di aver partorito una grande idea, dobbiamo chiederci se per svilupparla abbiamo calcolato tutto. Prima di metterci al lavoro sul nostro progetto, dovremo identificare tutto ciò che serve per renderlo realizzabile

Non sarà necessario essere cintura nera in tutto ciò che può servirci a realizzare la nostra idea, ma una buona infarinatura generale sarà utile alla selezione di chi può darci una mano. E proprio su chi ci può aiutare occorre fare un passaggio importante. Le persone possono essere validi alleati, e vanno selezionate con cura. Una buona squadra è spesso l’elemento vincente di un progetto di successo.

Saper selezionare gli strumenti di cui dotarci ci aiuta a raggiungere i nostri obiettivi prima di chiunque altro, così come, e visto l’evolversi di questa nuova rivoluzione industriale, le infrastrutture su cui possiamo basarci sono un elemento imprescindibile di cui tenere conto. Internet ha stravolto il modo di operare e la quantità di informazioni fruibili in pochi istanti ci consente di dare sostanza a progetti prima impensabili. Non dimentichiamo poi la necessità di tenere conto del tempo, l’ultima variabile sulla quale dosare le nostre energie, per considerare l’evoluzione dei nostri progetti e il loro successo.

Senza scadenze non vi sarà alcun buon progetto. Dominando tutti questi elementi riusciremo ad avere la nostra chance di trasformare una bella idea in un’impresa di successo.