News

Cultura

“Pietre d’Inciampo” a Torino

Per il nono anno, Torino accoglie le Pietre d’Inciampo di Gunter Demnig: installate 13 pietre dedicate ad altrettante vittime della deportazione nazista e fascista

Per il nono anno, Torino accoglie le Pietre d’Inciampo (Stolpersteine) di Gunter Demnig, un progetto europeo ideato e realizzato dall’artista tedesco per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista. Due giorni durante i quali vengono installate 13 pietre dedicate ad altrettante vittime della deportazione che, sommate a quelle già presenti sul territorio cittadino, raggiungono quota 143.

Le pietre sono piccole targhe di ottone da inserire nel selciato o nel cemento, davanti alle abitazioni nelle quali risiedevano le persone ricordate. Ogni targa riporta il nome della vittima, la data e il luogo di nascita e di morte/scomparsa. In tutta Europa sono state posate più di 90mila pietre.

Le prossime installazioni vengono posizionate in 8 luoghi della città di Torino e, in tale occasione, venerdì 13 alle 12 in via Belgio 38, per la pietra dedicata a Valentino Merlo, ha luogo la cerimonia pubblica alla presenza delle istituzioni e degli enti promotori: il Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà di Torino – in collaborazione con la Comunità Ebraica di Torino, l’Associazione Nazionale Ex Deportati (Aned) - sezione Torino e il Goethe Institut Turin.