News

Mostra

“A tu per tu con Leonardo” alla Biblioteca Reale

Esposizione straordinaria del Codice sul volo degli uccelli e di 13 disegni di Leonardo da Vinci, un insieme di opere di eccezionale valore che documenta l’attività del genio dagli esordi fino agli ultimi anni di attività.

Con la mostra A tu per tu con Leonardo, i Musei Reali aprono le porte della Biblioteca Reale per un’esposizione straordinaria del Codice sul volo degli uccelli e di 13 disegni della collezione sabauda, tra i quali anche il celebre Autoritratto, un insieme di opere di eccezionale valore che documenta l’attività di Leonardo da Vinci dagli esordi intorno al 1480 fino agli ultimi anni di attività, 1515-17 circa, con gli studi sulle macchine, l’anatomia, le proporzioni e le espressioni del volto umano e il sogno del volo, testimonianze dell’intero panorama dei suoi interessi e delle sue sperimentazioni.

Alcuni disegni sono in relazione con alcune famose opere, mentre altri sono testimonianze di progetti mai realizzati. Il Codice sul volo degli uccelli è un quaderno di appunti scritto tra il 1505 e il 1506 da Leonardo che, oltre a indagare il tema del volo degli uccelli, reca le riflessioni sulla macchina per il volo, sui problemi di meccanica, di idraulica, di architettura, di anatomia, di disegno di figura, intrecciandosi e intersecando questioni cruciali dei suoi studi.

Prima di scoprire il corpus leonardesco accompagnati da guide esperte, i visitatori sono condotti in una visita al salone aulico della Biblioteca e da un'introduzione alla storia della collezione leonardesca e del suo arrivo a Torino.

La mostra A tu per tu con Leonardo sarà visitabile tutti gli anni nella settimana di Pasqua. Le particolari caratteristiche delle opere su carta, particolarmente fragili e sensibili alle variazioni di temperatura e umidità e alla luce, costringono infatti a limitare i momenti di fruizione pubblica con tempi di esposizione brevi, seguiti da necessari periodi di riposo conservativo.

Spiega Enrica Pagella, Direttrice dei Musei Reali di Torino: «A più di 500 anni dalla sua morte, [...] le molteplici intuizioni, opere e invenzioni [di Leonardo] sono capaci ancora oggi di sorprenderci e influenzarci [...]. Questa esposizione vuole essere una guida per affacciarsi sul mondo di un sommo artista che ha fatto della conoscenza e della sperimentazione una legge di vita».