News

Cultura

“Mostra Mario Merz Prize” alla Fondazione Merz

La Fondazione Merz presenta la mostra collettiva dei finalisti della quarta edizione del Mario Merz Prize, settore arte, il cui vincitore verrà decretato alla fine dell'esposizione.


La Fondazione Merz presenta la mostra collettiva dei finalisti della quarta edizione del Mario Merz Prize, settore arte: Yto Barrada (Parigi, 1971), Paolo Cirio (Torino, 1979), Christina Forrer (Zurigo, 1978), Anne Hardy (Regno Unito, 1970), Koo Jeong A (Seoul, 1967) e He Xiangyu (Cina, 1986).

L'esposizione raccoglie le opere di questi sei artisti le cui ricerche rivelano una formazione, pratiche espressive, linguaggi e soluzioni formali differenti tra loro, ma accomunati da una comune tensione all’indagine del contemporaneo che vede nell’opera d’arte uno strumento per la formulazione di nuove domande e quesiti:

  • Yto Barrada unisce riferimenti ad artisti come Frank Stella alle esperienze della Scuola di Casablanca degli anni Sessanta in un'esplorazione che prescinde dalle narrazioni ufficiali;
  • Paolo Cirio analizza i pericoli dei sistemi di controllo autorizzati che dominano la società;
  • Christina Forrer affida al linguaggio fantastico il compito di restituire temi complessi;
  • Anne Hardy presenta frammenti e oggetti del quotidiano come preziosi reperti archeologici;
  • Koo Jeong A esplora spazi fisici e mentali per individuare nuove relazioni tra soggetto singolo e collettività;
  • He Xiangyu approfondisce le dinamiche di appartenenza e idolatrie consumistiche.

I sei finalisti del Mario Merz Prize, sono stati proclamati a giugno 2021 e selezionati da Samuel Gross e Claudia Gioia, i curatori della mostra, e da Beatrice Merz, Presidente di Fondazione Merz.

Al termine dell’esposizione, una giuria designata e il pubblico - quest'ultimo attraverso un portale dedicato - votano per il vincitore della quarta edizione del prestigioso premio, a cui poi verrà dedicata una mostra personale commissionata e prodotta da Fondazione Merz.

L’inaugurazione della mostra collettiva è seguita da un concerto.

Per maggiori informazioni: qui.