News

  • Dario Gallina: le parole chiave? Progetti, accelerazione e positività - Leggi tutto
  • Cristiano Fiorio: un futuro straordinario è possibile - Leggi tutto
  • Riccardo D'Elicio: lo sport come fattore di rinascita per Torino - Leggi tutto
  • Benedetto Camerana: progettare per rigenerare il nostro patrimonio - Leggi tutto
  • Luca Ballarini: Torino è la città bella - Leggi tutto
  • Chiara Appendino: sei pilastri per il futuro - Leggi tutto

Cultura

Andrà tutto bene a Venaria Reale

Nella Sala Espositiva Comunale di Venaria, la mostra fotografica di Lorenzo Carrus racconta la vita ai tempi del Covid19


Una raccolta di scatti fotografici per dare voce alle vite, alle storie, alle quotidianità stravolte dal Coronavirus. 'Andrà tutto bene. Venaria 2020 – un lungo viaggio nel cambiamento' è la mostra firmata da Lorenzo Carrus e curata dall'associazione turistica Pro Loco Altessano-Venaria con il patrocinio della Città di Venaria Reale, nata per accendere i riflettori sugli effetti visibili e invisibili dell'emergenza sanitaria.

«'Andrà tutto bene' è un progetto itinerante che da Venaria porterà l'esposizione, adattata nel contenuto, in diverse parti del Piemonte» racconta Carrus, che da fotografo si fa narratore visivo di vicende silenziose, avvenute durante il periodo del lockdown. «In 34 immagini ho raccolto le testimonianze di persone comuni, dei negozianti, del sacerdote della Chiesa parrocchiale della Natività di Maria Vergine di Venaria e non solo documentando i cambiamenti, gli stati d'animo vissuti durante il periodo dell'isolamento. Per ricordare chi eravamo, chi siamo, chi potremo essere».

L'allestimento mixa l'antico e il moderno, le pinzette in legno e le grucce il ferro, in un rimando estetico alla fotografia 'di una volta', in cui gli scatti rimanevano appesi prendendo il loro tempo per svilupparsi.

57 anni, nato a Torino, Lorenzo Carrus trascorre la sua infanzia a stretto contatto con i pittori e gli artisti di vario genere frequentati dalla sua famiglia, coltivando un gusto per l'arte che sfocia nella scelta di frequentare il Liceo Artistico di Torino. All'età di 16 anni viene assunto come ragazzo di bottega presso lo studio fotografico 'Luigi Bertazzini', allievo del fotoreporter d'antan Silvio Ottolenghi (1886-1953) e da allora non abbandona l'arte del clic. Fondatore di una società di attività culturali, sportive e ludiche per diversamente abili, collabora ora con diversi Musei ed enti della città.