News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Cultura

43° Mostra Nazionale Antiquariato di Saluzzo

Chicche antiquarie e la mostra collaterale 'Le 100 Maddalene' del Dott. Rubiola

Un contenitore di eleganza riconosciuto al livello nazionale e non che guarda all'arte dell'antico Marchesato. La Mostra Nazionale Antiquariato di Saluzzo ritorna all'ex Castello dei Marchesi per un vero e proprio viaggio tra le scuole della tradizione italiana tra il '400 e il '700, accompagnandosi con la mostra collaterale 'Le 100 Maddalene' del Dott. Rubiola, curata da Franco Brancaccio.

Accanto alla manifestazione dedicata all'antico e alla nuova 'Rue des restauratour', che si snoda lungo la salita al Castello ospitando gli studenti restauratori della Scuola di Restauro di Venaria Reale, le opere collezionate da Roberto Rubiola –  ex ufficiale dell'Areonautica e poi direttore di una ditta tedesca prendono posto al piano terreno della residenza marchesale. Collezionate nell'arco di 50 anni di vita, i quadri sono un excursus tra le scuole pittoriche regionali italiane si alternano opere dipinte da pittori piemontesi, lombardi, veneti, liguri, emiliani, toscani, romani e napoletani e straniere, d'Oltralpe e non.

Il soggetto è uno, la Maddalena, declinata in apparizioni su tela sempre differenti. Da donna giovane e bella e con una chioma folta e fluente nell’atto di reggere un vaso colmo di un balsamo per ungere il corpo di Cristo crocifisso, si trasforma in una figura dolente che piange abbracciata al legno della croce, confortata dagli angeli. I suoi attributi: il vaso con il prezioso unguento, il crocifisso che evoca la passione, il libro per meditare sui testi sacri, il teschio simbolo della fragilità della gioventù, della bellezza e della vita, una freccia e una scodella per evocare la condizione di durezza della sua vita e lo stiletto utilizzato per la mortificazione corporea.

La Mostra Nazionale Antiquariato di Saluzzo e 'Le 100 Maddalene' fanno parte del progetto START / SToria e ARTe Saluzzo, organizzato dal Comune di Saluzzo e dalla Fondazione Amleto Bertoni, con la direzione artistica di Soluzioni Turistiche Integrate.