News

Mostra

“Onna to onnagata” al MAO

Dipinti e stampe giapponesi che esplorano la ricchezza dell’universo femminile giapponese rappresentando sacerdotesse, regine e dee, fino ad arrivare ai fiori e agli uccelli



Onna to onnagata è una raccolta di stampe e dipinti che vogliono ricordare il ruolo fondamentale della donna nella cultura giapponese nel corso dei secoli e mostrare come essa veniva rappresentata anche con l'uso di simbolismi.

La società giapponese è stata per molto tempo di forte impronta matriarcale, conferendo grande rispetto alle donne per la capacità di poter generare la vita.

Con la comparsa del buddhismo e del confucianesimo la donna perse la sua considerazione sociale e fu obbligata all'obbedienza dell’uomo.

Alcune delle figure femminili raffigurate sono: la divinità dell’alba e dell’allegria Ame no Uzume che, secondo il mito, grazie alla sua danza fece uscire da una caverna la luce; i Nikawa, dei balli femminili che si tenevano del distretto di Yoshiwara durante una festa estiva dedicata agli antenati; Ono no Komachi, una dama di corte famosa per la sua bellezza e per i suoi versi d’amore, considerata l’unica donna dei Sei Poeti Immortali.

Nell'Asia orientale venivano usati dei simboli per rappresentare la femminilità e la bellezza della donna. Alcuni di essi sono il fagiano che richiamava l’eleganza, la peonia che rappresentava la primavera e le anatre, celebri per il loro attaccamento al partner in natura, erano considerate simbolo di fedeltà coniugali.

Una rotazione di dipinti, stampe e libri giapponesi per fare un viaggio nella lunga e complessa cultura giapponese.

Biglietti: Intero 10 € / Ridotto 8 €

Prenotazione consigliata.

Mail: ftm@arteintorino.com / Tel. 011 5211788