News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Cultura

Rock the mountain! al Museo Nazionale della Montagna

In scena la mostra dedicata alla montagna nell’iconografia della musica pop

Cos'hanno in comune le leggende della musica e le montagne? Entrambe puntano alle stelle, ma non solo. 'Rock the mountain!' presenta al pubblico una ricca collezione di vinili con copertine a soggetto montano e manifesti pubblicitari di album e tournée a tema alta quota, testimonianze culturali che fotografano un mondo peculiare in un periodo significativo della sua storia.

Curata da Daniela Berta, direttore del Museo Nazionale della Montagna, e da Paolo Ferrari, giornalista e critico musicale, la mostra presenta un’ampia selezione di dischi pubblicati dagli anni Settanta a oggi, per offrire sia uno sguardo nuovo e obliquo sul mondo della montagna, sia un omaggio a quella sottostimata forma di creatività che è la cover art.

Il percorso incrocia da subito la storia del grande rock. È del 1971 il misterioso 'Eremita su roccia' dei Led Zeppelin; per l’esplosivo manifesto del tour europeo del 1976 i Rolling Stones scelgono la totemica sagoma del Cervino. Proseguono le suggestioni con i Deep Purple, Elton John, Village People, Yes, Depeche Mode, Goldfrapp, Chemical Brothers, Jamiroquai, Kanye West, Neil Young, Elvis Costello, Caravan, Noel Gallagher, Bob Marley, Tinariwen e tanti altri.

Un entusiasmante cortocircuito tra estetica e contenuti attraverso i generi musicali contemporanei e i rispettivi immaginari di riferimento. Dal rock al soul, dal folk al metal, dall’elettronica alla disco music, fino alla ricerca e alla sperimentazione d’avanguardia.