News

  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Claudio Moro: per Torino, un patto basato su competenza e fiducia - Leggi tutto
  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Cultura

Novecento in cortile alla Fondazione Accorsi-Ometto

Arman, Borghi, Cordero, Mitoraj, Pomodoro, Theimer. Omaggio ai grandi maestri della scultura contemporanea



Nel cortile della Fondazione Accorsi – Ometto, una mostra di sculture che rende omaggio a sei grandi artisti del Novecento. 'Novecento in cortile. Omaggio ai grandi maestri della scultura contemporanea' celebra Arman, Paolo Borghi, Gio’ Pomodoro, Riccardo Cordero, Igor Mitoraj e Ivan Theimer attraverso le loro 11 opere plastiche – bronzi, acciai e terracotte – che si ergono simbolo di speranza e volontà di ripartire.

In esposizione il monumentale 'Mercurio' (anni ’80) di Arman, uno fra i massimi esponenti del nouveau réalisme, famoso per le sue accumulazioni, per gli strumenti musicali e per le sue frammentazioni; la grande terracotta 'Cavalcata interrotta' (1990) di Paolo Borghi che ben rappresenta la sua poetica di rivisitazione dell’arte classica e di indagine sul mito; i bronzi patinati 'Tensione verticale' (1963-64) e 'Sole deposto' (1982) di Gio’ Pomodoro, testimonianze di due diversi cicli produttivi del maestro marchigiano. E ancora l'acciaio satinato 'Asteroide' (2017) di Riccardo Cordero in cui la forma plastica astratta è posta in dialogo con lo spazio circostante; i due grandi bronzi di Igor Mitoraj 'Icaro alato' (2000) e 'Luci di Nara pietrificata' (2014), testimoni della visione postmoderna dell’artista. Infine, il quartetto di opere in bronzo firmate Ivan Theimer: 'Tobiolo' (1999), 'Tartaruga con montagna' (2004), 'Medusa' (2005) e 'Obelisco' (1993).

Cura la mostra Bruto Pomodoro.