News

Cultura

“Roberto Gabetti fotografo” a CAMERA Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA presenta nella sua Project Room la mostra Roberto Gabetti fotografo, un omaggio all'originale sguardo fotografico dell'artista a vent'anni dalla sua scomparsa



Stanti le misure per fronteggiare l'emergenza Covid19 in continuo aggiornamento, consigliamo di verificare che gli eventi/mostre siano effettivamente confermati, anche rispetto a date e modalità di svolgimento

Roberto Gabetti (Torino, 1925-2000), benché universalmente conosciuto per il suo lavoro di architetto, si è spesso avvalso della sua Leica per osservare la realtà circostante. Fin da ragazzo si cimenta con riproduzioni fotografiche, sviluppando una nuova forma di osservazione dell'architettura stessa. Modalità che ritroviamo nei provini e nei negativi custoditi dalla famiglia Gabetti, un patrimonio che si compone di circa 300 rullini.

Il curatore della mostra Sisto Giriodi ha dato vita a un percorso espositivo che ripercorre momenti della quotidianità di Roberto Gabetti, sia privati che professionali, attraverso più di cento fotografie estrapolate dai negativi originali.

«Roberto Gabetti, conosciuto come importante architetto, autorevole professore di progettazione, apprezzato come “scrittore di complemento”, autore di libri e saggi su temi diversi, ha tenuto per vent’anni, dal 1945 al 1965, un ‘diario’ fotografico, fino ad ora segreto, dei suoi viaggi di studio, dei progetti e dei cantieri. Quei rullini sono rimasti in un antico cassettone nello studio di via Sacchi 22 a Torino, sviluppati e imbustati nei ‘libretti’ dal laboratorio di Riccardo Moncalvo» commenta Sisto Giriodi.

La mostra nasce con il contributo di Regione Piemonte.

Ingresso gratuito