News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Teatro

Rocco Papaleo al Teatro Carignano

L'attore in 'Peachum. Un'opera da tre soldi' ispirata a Bertolt Brecht


Rocco Papaleo e Fausto Paravidino sono i protagonisti di Peachum. Un'opera da tre soldi, potente rilettura  dell'antieroe di Bertolt Brecht de l’Opera da tre soldi.

Paravidino, dal 2018 resident dramaturg al Teatro Stabile di Torino, è uno degli autori italiani più rappresentati in Europa, capace di riflettere sui rapporti familiari con la stessa lucidità con cui mostra i limiti della società occidentale, in un approccio quasi profetico.

Questo spettacolo è un viaggio in un mondo fatto di miserie. La miseria dei  poveri, la miseria di chi si vuole arricchire, la miseria di chi ha paura di diventare povero.

«Peachum è una figura del nostro tempo più ancora che del tempo di Brecht – commenta il regista – dipende dal denaro senza neanche prendersi la briga di esserne appassionato. Non è avido. Non ambisce a governare il denaro, è governato dal denaro».