News

  • Dario Gallina: le parole chiave? Progetti, accelerazione e positività - Leggi tutto
  • Cristiano Fiorio: un futuro straordinario è possibile - Leggi tutto
  • Riccardo D'Elicio: lo sport come fattore di rinascita per Torino - Leggi tutto
  • Benedetto Camerana: progettare per rigenerare il nostro patrimonio - Leggi tutto
  • Luca Ballarini: Torino è la città bella - Leggi tutto
  • Chiara Appendino: sei pilastri per il futuro - Leggi tutto

Teatro

Camillo Olivetti al Teatro Carignano

Alle radici di un sogno con lo spettacolo dedicato al capostipite della Olivetti

Nell'ambito della rassegna estiva 'Summer Plays. Sere d'estate al Teatro Carignano', che vede uniti il Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale e TPE – Teatro Piemonte Europa, debutta sul palco 'Camillo Olivetti. Alle radici di un sogno'.

Lo spettacolo porta in scena la storia di Camillo, il pioniere, l'inventore, l'anticonformista capriccioso e geniale che, agli inizi del Novecento, fonda la prima fabbrica italiana di macchine da scrivere. Con l'aiuto di biografie, interviste e testi letterari – fondamentale è stata la descrizione fornita da Natalia Ginzburg in 'Lessico Familiare' – ne sono stati ricostruiti la vita e le imprese ma, soprattutto, le figure che gli ruotavano attorno.

La madre Elvira Sacerdoti e la moglie Luisa Revel diventano così voci narranti del racconto, silenziose ma essenziali protagoniste dell'impero Olivetti: ebrea la prima, valdese la seconda, provengono entrambe da una cultura di minoranza, eppure svolgono un ruolo primario nella formazione e nella realizzazione del sogno olivettiano.

Tra colpi di scena, prove da superare, lotte e amori, lo spettacolo è interpretato da Laura Curino con la regia di Gabriele Vacis mentre il monologo è firmato dall'Associazione Muse.