News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Teatro

Giulietta al Teatro Astra

In scena la struggente favola psicanalitica di Federico Fellini


Nel centenario della nascita di Federico Fellini la Fondazione TPE – Teatro Piemonte Europa propone la versione teatrale di 'Giulietta', l'unica opera narrativa di una certa consistenza pubblicata dal regista riminese, con la regia di Valter Malosti e la presenza scenica di Roberta Caronia.

Il racconto, di cui Fellini stesso suggerì la stampa in lingua tedesca per l'editore svizzero 'Diogenes', si tratta della prima idea-soggetto di quello che nel 1965 diventa il celebre film 'Giulietta degli spiriti', un vero e proprio 'trattamento', ovvero la fase intermedia tra il soggetto e la sceneggiatura. Un film semilavorato che Malosti porta per la prima volta in scena nel 2004, con l'adattamento di Vitaliano Trevisan: «Un circo, una pista da circo: al centro sta Giulietta in qualche modo inchiodata, come una farfalla raccolta da un entomologo e lì depositata. E intorno, tutti i suoi fantasmi, gli spiriti, evocati dalla presenza di nude marionette e da una fittissima partitura di suono».

Una struggente favola psicanalitica, una favola contemporanea dai toni mozartiani sull’identità frammentata, sull’anima, raccontata con un tono vagamente infantile ed inquietante, una moderna Alice attraverso lo specchio, specchio con il quale si apre e si chiude lo spettacolo e il racconto felliniano.