News

Teatro

Locke al Teatro Carignano

La pellicola di Steven Knight diventa spettacolo teatrale

Continuano gli appuntamenti di 'Summer Plays', la rassegna congiunta organizzata da TPE – Teatro Piemonte Europa e Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale. Il programma di questa settimana prevede 'Locke', la storia del capocantiere Ivan Knignt interpretato sul grande schermo da Tom Hardy e sul palco del Teatro Carignano da Filippo Dini, che ricopre anche il ruolo di regista.

Ivan Locke ha una famiglia e un lavoro di responsabilità, ma una telefonata mette tutto in discussione. A partire dal film, Dini dà vita a uno spettacolo dove il tempo della storia e il tempo del racconto coincidono. Un uomo esce da un cantiere, si sfila un paio di stivali da lavoro e sale su una bella auto. Locke è un individuo borghese: ben vestito, con un buon lavoro, un buon reddito e una bella famiglia. A casa lo aspettano due figli, una moglie, la partita alla tv, le birre e il barbecue. Il cantiere al quale lavora, inoltre, è la costruzione di un edificio di grande prestigio. Tutti si fidano di lui, ha tutto sotto controllo, è 'il più bravo capocantiere d’Inghilterra'. Quella notte però Locke non torna a casa, ma parte per un lungo viaggio: succede qualcosa che cambierà per sempre la sua esistenza e compirà una scelta che distruggerà la sua vita per come l’ha conosciuta e costruita fino a quel momento.

«La vicenda narrata in Locke – scrive Filippo Dini – è un grande inno al coraggio, alla sua espressione più potente e più arcaica: il coraggio di abbandonare la propria vita, le proprie certezze, i successi personali, i propri affetti, per iniziare una nuova esistenza, misteriosa, ignota, forse terribile, ma espressione del proprio miglioramento personale».