News

Cultura

“Un quartetto per la Resistenza” al Polo del ‘900

Un monologo sulla Resistenza in cui quattro personaggi vengono interpretati da una stessa attrice, per sottolineare quanto le differenze possano essere messe da parte per un bene comune: la libertà

Sara D’Amario è l’interprete di questo monologo per la regia di François-Xavier Frantz, ambientato nel periodo della Resistenza nelle campagne tra Barge e Bagnolo. Saranno presenti il Direttore del Polo del ‘900, Alessandro Bollo, la Sindaca di Barge Piera Comba e Franco Prono Presidente dell’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza.

La particolarità di questa rappresentazione è la capacità di Sara D’Amario di interpretare ben 4 ruoli diversi: due donne e due uomini. Le due donne sono totalmente diverse l’una dall’altra, la prima, Maria Rovano, è comunista ed è una donna del popolo mentre la seconda, Leletta Oreglia d’Isola, è una nobile cattolica. In comune hanno però la passione per la ricerca della libertà e la partecipazione alla Resistenza. Pompeo Colajanni e Aimaro Isola sono invece i due uomini di cui Sara D’Amario prenderà corpo e voce. Pompeo è il comandante Barbato, un uomo adulto carismatico, Aimaro è invece il fratello adolescente di Leletta pieno di sensibilità e passione.

Il significato di Un quartetto per la Resistenza è limpido: persone con sensibilità diverse, passati diversi e una cultura diametralmente opposta hanno saputo unirsi e collaborare in nome di una causa comune.

Lo spettacolo è una produzione dell'associazione Ancóra con il sostegno del Comune di Barge, del Comitato Resistenza e Costituzione, del Consiglio Regionale, della Fondazione CRT, in collaborazione con Constellation Factory, Polo del '900 e Istituto della Resistenza di Cuneo.

Il modo di raccontare la Resistenza e di descrivere la sete di pace e libertà è diverso per ognuno dei personaggi, ma accomunato dalla voglia di impegnarsi e di unirsi in un messaggio di valore che è arrivato, in modo duraturo, fino ad oggi.

Ingresso gratuito su prenotazione.

Per informazioni e prenotazioni: sul sito / Tel. 011 0883200

 

«Per fortuna mi hanno rubato la bicicletta»

Leggi il contributo di Sara D'Amario per le 150 copertine di Torino Magazine