News

Cultura

“Seeyousound 2023” al Cinema Massimo

Al Cinema Massimo arriva la 9ª edizione di Seeyousound 2023, festival dedicato interamente al cinema a tematica musicale, che in 7 giorni esplora la musica nelle sue diverse sfaccettature e contaminazioni

Al Cinema Massimo arriva la 9ª edizione di Seeyousound International Music Film Festival 2023, primo evento in Italia dedicato interamente al cinema a tematica musicale, che in 7 giorni esplora la musica nelle sue diverse sfaccettature e contaminazioni.

A un anno esatto dall’inizio del conflitto Russo-Ucraino, il festival inaugura con Tchaikovsky's Wifedel regista dissidente russo Kirill Serebrennikov - esiliato dallo scorso marzo, dopo anni passati agli arresti domiciliari in patria con l'accusa di una presunta distrazione di fondi pubblici - cui è dedicato l’omaggio di questa edizione. Venerdì 24 febbraio alle 20.30, viene proiettata l’anteprima italiana del film di Serebrennikov: ambientato nella seconda metà del XIX secolo in una Russia ancora imperiale, racconta la tumultuosa relazione tra uno dei maggiori compositori russi, Pyotr Tchaikovsky, e la moglie Antonina Miliukova.

Il film viene anticipato dal live Sequenze Parallele, concerto per violoncello, algoritmica, immagine e Intelligenza Artificiale, 4 composizioni dedicate al rapporto tra l’essere umano e la natura: in un continuo parallelismo tra immagine e suono, il violoncello di Manuel Zigante insieme al codice informatico eseguito dal vivo (Live Coding) di Riccardo Mazza danno vita alla performance, mentre le immagini realizzate ed elaborate da Laura Pol dialogano con quelle create dall’Intelligenza Artificiale.

Previsti per l'edizione 2023:

  • 79 lungometraggi di finzione e documentari, cortometraggi e videoclip tra i migliori e più recenti prodotti a livello internazionale;
  • la migliore produzione cinematografica e audiovisiva a tematica musicale mondiale con 5 titoli in anteprima assoluta, 2 europea e 26 in anteprima italiana nel programma delle sezioni competitive Long Play Doc (5 lungometraggi di cinema del reale) e Long Play Feature (5 lungometraggi di finzione), 7Inch (19 cortometraggi), Soundies (20 videoclip completato da 2 live e 1 mostra) e Frequencies (4 sonorizzazioni originali);
  • le rassegne Rising Sound - Music is the weapon, che mostra ancora una volta il potere politico, sociale e comunitario della musica, confermando la militanza artistica della rassegna con 5 documentari e una serie di 4 film d’artista in cui la musica si fa strumento di rivendicazione politica; e Into the Groove, che celebra grandi star e generi, cuore mainstream del festival che si muove nel pentagramma della scena musicale mondiale spaziando tra figure cult e nuove tendenze, restituendo allo spettatore la ricchezza e la forza della musica.

Il programma è arricchito da 22 titoli fuori concorso proprio appartenenti a queste ultime.

Le note sullo schermo risuonano in sala con le performance live multimediali.

A introdurre le proiezioni e gli eventi off, oltre 60 ospiti dall’Italia e dal mondo, tra registi, attori, giurati e artisti che si uniscono al pubblico nella 7 giorni di cinema e musica, come: Michael P. Aust co - regista di Can And Me; Marco Porsia autore di What You Could Not Visualize; Robin Pront di Zillion; Elia Romanelli con Infernòt. Viaggio nella musica folk; Ana Sofia Fonseca, autrice di Cesária Évora; Sebastián Alfie regista di El Káiser de la Atlantida.

Il festival torna quest’anno a riappropriarsi completamente della sua dimensione dal vivo e aggiunge al programma in sala live, dj set e after-party organizzati tra:

  • il Cafè des Arts con 5 eventi (24 - 26 - 27 - 28 febbraio e 1 marzo) a ingresso gratuito, con dj set di Chiara Colli, Luis Soulful, Dr. NO e live di Sabrina Mogentale;
  • il Magazzino sul Po con l’Afro Baile Night di sabato 25 febbraio che propone il dj-set di Damonjie Celeste Mariposa a ingresso gratuito con tessera ARCI;
  • lo Spazio Musa giovedì 2 marzo accoglie il Closing Party SEEYOUSOUND SYSTEM con ingresso up to you.

Tra gli eventi extra, sabato 25 e domenica 26 (dalle 13 alle 19) il festival propone il DANCE VR CORNER nella Mole Antonelliana, cinque film VR a 360° che raccontano con sguardi e tecniche diverse come la danza possa essere esplorata tramite la realtà virtuale, portando lo spettatore a nuovi sguardi tramite la tecnologia immersiva VR.