News

Cultura

“Festival Panafricano 2023” a Torino

Il Festival Panafricano 2023 accoglie artisti, musicisti, scrittori, registi e intellettuali africani per immergersi nella cultura africana e scoprirne l'influenza nel mondo


Settima edizione del Festival Panafricano che per quattro giorni invade Torino accogliendo artisti, musicisti, scrittori, registi e intellettuali africani per immergersi nella ricchezza della cultura africana e scoprirne l'influenza nel mondo. La manifestazione si svolge in diversi luoghi della città come teatri, musei e le sedi delle associazioni del territorio, per garantire un’ampia partecipazione.

A inaugurare il festival la performance L’arte può rompere le scatole dell'artista camerunense Afran alla GAM, giovedì 22 giugno ore 16.30: per l'occasione, l'artista crea una delle sue opere in cartone e acrilico confrontandosi con il pubblico, che può così intervenire nel processo creativo. A chiudere la serata alle 21.30 al Cine Teatro Baretti l'esibizione di Ba Banga Nyeck (per la prima volta a Torino da Strasburgo) con il balafon cromatico, strumento di cui è l’inventore.

Arte e musica sono protagoniste di tutte le serate del Festival:

  • venerdì 23 giugno al Cine Teatro Baretti il cantante italiano ed ex partecipante di Amici Esa Abrate celebra l’Africa, suo continente d’origine, con un concerto di musica pop e R&B;
  • sabato 24 giugno un dj set accompagna la sfilata di costumi tradizionali africani e di loro rivisitazioni in chiave moderna al Polo Culturale Lombroso 16, mentre al Cine Teatro Baretti si esibisce il comico di Nathan Kiboba, congolese residente a Milano, noto per i suoi monologhi su Youtube;
  • domenica 25 giugno a chiudere il Festival, un concerto al Cinema Teatro Maffei alle 21, con i ritmi coinvolgenti di Sirlene, cantante brasiliana e italiana per adozione, e la sua band.

Non solo arte e musica al Festival che è anzitutto una piattaforma di dialogo e confronto che vuole aumentare – attraverso dibattiti, conferenze, presentazioni di libri, laboratori tematici e proiezioni di film e documentari – la comprensione delle questioni sociali, politiche ed economiche che riguardano l'Africa.

Ogni appuntamento del festival è gratuito, necessaria però la prenotazione sul sito, dove si può trovare il programma completo.