News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Massimo Guerrini

Ipotesi sul futuro di Torino

di LAURA SCIOLLA

Inverno 2018

MASSIMO GUERRINI È IL PRESIDENTE DELLA CIRCOSCRIZIONE 1, QUELLA CHE COMPRENDE IL CENTRO CITTADINO, LA CROCETTA, PARTE DEL LUNGO PO. IN QUESTA INTERVISTA CI OFFRE LA SUA OPINIONE SULLO STATO DELLE COSE DI QUESTA SIGNIFICATIVA PARTE DEL TERRITORIO TORINESE

Già vicepresidente dell’API di Torino e Provincia per due mandati e, da tempo, amministratore comunale – con l’esperienza di un imprenditore e manager del settore immobiliare – che vuole credere nello sviluppo della sua città, Massimo Guerrini rappresenta un interlocutore qualificato quando si vogliono tracciare le linee direttrici del possibile futuro di Torino, soprattutto in un’epoca in cui le aree centrali metropolitane sono decisive per la crescita delle città. La nostra chiacchierata prende spunto dagli eventi che tanto hanno destato l’attenzione dei media verso Torino, ovvero le cosiddette marce pro e contro l’alta velocità.

Torino è bellissima ed è turistica […] si dovrebbero implementare il numero dei posti letto, gli spazi congressuali, fetta di mercato potenzialmente interessante, e i collegamenti

Come interpreta la scelta di scendere in piazza, soprattutto da parte di un pubblico non particolarmente incline ai cortei?

«Il diritto a manifestare è una delle principali conquiste della democrazia occidentale ed è da tutelare sopra ogni cosa. La marcia dei 40mila – riprendendo la celebre manifestazione svoltasi negli anni ’70 – è certo stata emblematica della situazione che sta vivendo la nostra città. Chi ha interpretato questa giornata come un semplice scontro ‘sì Tav/no Tav’ sbaglia. È stato piuttosto il modo di dire a tutti che molti di noi vogliono un futuro diverso per Torino».

Ci può spiegare meglio questo concetto?

«Tengo a precisare che non sono stato io a organizzare la manifestazione. Diciamo che… hanno preso alla lettera una mia frase, “Non resta che scendere in piazza e fare una nuova marcia dei 40mila”, dopo che le rappresentanze dei principali enti e associazioni torinesi si erano riunite in Comune nel giorno della votazione della mozione No Tav. La non completezza della risposta dell’amministrazione ha portato gli attori della nostra economia e del nostro ‘fare’ a provare a battere il ferro finché caldo. Chi manifestava era una fitta rappresentanza di quella Torino che reclama investimenti, infrastrutture, crescita. La Tav non è solo un buco nella montagna, rappresenta uno sbocco verso l’internazionalizzazione (Cavour insegna), un modo per unire l’est del mondo, dalle potenzialità infinite, a un nord ovest europeo ricco, è diventare un corridoio per quel mondo in sviluppo. Se diciamo no, il ‘buco’ passerà altrove, e noi perderemo una grande opportunità».

Con Chiara Appendino

Ma qual è, a suo parere, la situazione di Torino parlando di sviluppi futuri?

«Amministrare una città, qualunque essa sia, è oggi cosa estremamente complessa. È innegabile che, chiunque sia il sindaco, occorre fare i conti tutti i giorni con una gestione di fondi economici che sono sempre meno e con una necessità di assicurare servizi che, invece, pare addirittura aumentare. Proprio per questo bisogna puntare a crescere. Il Rapporto Giorgio Rota nel 2017 era intitolato ‘Recuperare la rotta’, quello del 2018 ‘Uscire dal labirinto’. La tendenza mi pare chiara. Due elementi da considerare: Torino perde abitanti, questo è un dato di fatto, con 7mila cittadini in meno ogni anno. E perde PIL (tra il 2007 e il 2014 si parla del – 13%). Le aziende chiudono, i capannoni rimangono abbandonati. Sono 13 le aree di trasformazione urbana (ad esempio l’ex Thyssen, oppure il complesso ex OSIGhia di fronte al Mauriziano) che attendono di essere trasformate. Invece, osservando Torino dai tetti, non si vede spuntare neppure una gru. Manca un progetto per la città (e lo dicevo già nella mia intervista uscita nel 2017), manca la consapevolezza di puntare su investimenti mirati allo sviluppo, infrastrutture in primis».

Durante l’intervista

A suo giudizio, quali sarebbero le azioni da intraprendere?

«Incentivi, per esempio: se un’azienda si impegna a rilocalizzare un’attività, può accedere a scontistiche IMU o ad altre esenzioni a imposte locali. Dal Rapporto Rota emerge la disponibilità di una realtà post industriale che può essere ancora industrializzata. Torino potrebbe indirizzarsi verso una ‘nuova’ vocazione industriale: meno cemento, meno emissioni (e così si offrono ulteriori incentivi). Intanto, invece, si moltiplicano le aree di degrado, non solo in periferia».

Con Maurizio Molinari

A proposito di periferia, Torino può pensare di diventare policentrica, come altre città sono riuscite a fare?

«Credo proprio di sì. Sono molte le grandi metropoli che stanno mettendo in atto opere di riqualificazione nelle periferie, perché lo sviluppo e la ricchezza non si concentrino solo in un perimetro limitato. Ma, per Torino, si torna sul medesimo discorso: abbiamo verificato che gli abitanti delle periferie torinesi vengono in centro città al massimo una volta l’anno. Il differente senso di ‘appartenenza’ territoriale è uno degli ostacoli che limita questo flusso, ma se ci fossero le infrastrutture adeguate per rendere facilmente raggiungibile il centro, forse alcune persone sarebbero più invogliate. Penso alla seconda linea della metropolitana, canale fondamentale per riallacciare il tessuto abitativo urbano. La nuova Spina, infatti, è insufficiente. Per non parlare dei collegamenti con l’Aeroporto di Caselle, oggetto di critica proprio in questi giorni».

In effetti, per una città che vuole posizionarsi sempre di più come meta turistica, le modalità di accesso sono rilevanti…

«Torino è bellissima ed è turistica, oggi, sebbene questa vocazione non sia sufficiente per ‘sfamare’ tutti i torinesi. Ma di certo è un’ottima leva su cui puntare. Secondo le indagini, per spingere ulteriormente il settore si dovrebbero implementare il numero dei posti letto, gli spazi congressuali, fetta di mercato potenzialmente interessante, e, come si diceva, i collegamenti. Interessante pensare a come le infrastrutture siano in grado di aprire le porte alle culture altre, vero?».

Tornando alle infrastrutture, appunto, due temi caldi di grande attualità sono parcheggi e ZTL.

«Dopo l’inaugurazione di diversi, efficienti ed efficaci parcheggi che potessero servire il centro, non si parla più di nuovi progetti. Credo, invece, che la creazione di parcheggi interrati potrebbe portare vantaggi concreti a chi frequenta la città: pedonalizzare non vuol dire togliere auto, quanto piuttosto restituire al pedone la bellezza di vivere la città. E qui entra in gioco la ZTL. È risaputo che la principale causa d’inquinamento non sono i veicoli ma le emissioni prodotte dagli impianti di riscaldamento. Eppure si tende a proporre la ZTL come fattore risolutivo, senza guardare alle cause. Forse una politica di investimenti a favore di efficientamento energetico sarebbe un tassello verso la soluzione del problema. Nel frattempo, l’incertezza circa le modalità di gestione della ZTL porta i piccoli commercianti ad avere mille dubbi, timori, e a non investire sul centro. È l’incertezza del futuro che blocca l’economia. Sono micro investimenti, è vero, ma messi tutti insieme fanno volume».

Quindi, a suo giudizio, quali sarebbero le modalità per mettere in atto questi processi?

«Non voglio sembrare troppo negativo: sappiamo tutti che Torino è bella – e non è cosa da poco – e che i torinesi hanno una capacità straordinaria di creare innovazione e lavoro. Perché non sfruttare questa capacità imprenditoriale, questo essere una città austera ma intelligente? Ribadisco il mio invito: costruiamo una cabina di regia, un pool strategico di diverse professionalità (rappresentanti della cultura, della politica, delle fondazioni, commercianti, medici, avvocati ed esponenti del mondo delle professioni in genere) che insieme costituiscano un laboratorio mentale per strutturare un’idea di sviluppo. Sono sicuro che in questo modo Torino tornerebbe a crescere».

Massimo Guerrini ci lascia con un riferimento a un pensiero espresso da Giuseppe Sala, sindaco di Milano: «“In una città che cresce c’è più spazio anche per la solidarietà. Percependo una crescita felice, allora sì che le persone potrebbero pensare al ‘bello’, all’ambiente, al tempo libero”. Questo lo ha detto il sindaco Sala a proposito della sua città. Pensate cosa significherebbe applicare questo concetto a Torino, bella, elegante e più economica del capoluogo lombardo. Cogliamo le opportunità: allora sì che potremo pensare positivamente al futuro».

(Foto MARCO CARULLI)