News

  • Dario Gallina: le parole chiave? Progetti, accelerazione e positività - Leggi tutto
  • Cristiano Fiorio: un futuro straordinario è possibile - Leggi tutto
  • Riccardo D'Elicio: lo sport come fattore di rinascita per Torino - Leggi tutto
  • Benedetto Camerana: progettare per rigenerare il nostro patrimonio - Leggi tutto
  • Luca Ballarini: Torino è la città bella - Leggi tutto
  • Chiara Appendino: sei pilastri per il futuro - Leggi tutto

Cultura

Sfida al Barocco alla Reggia di Venaria

Roma, Torino, Parigi 1680 - 1750: l'arte barocca approda alla Citroneria Juvarriana



Oltre 200 capolavori provenienti dai più prestigiosi musei e collezioni di tutto il mondo approdano alla Citroneria Juvarriana della Reggia di Venaria che, a poco tempo dalla riapertura, accoglie il pubblico con la mostra 'Sfida al Barocco. Uno straordinario percorso artistico verso la modernità'.

Un guanto gettato dagli artisti in nome delle nuove forme e linguaggi di comunicazione elaborati tra il 1680 e il 1750 ma anche una ricerca che si sviluppa tra Roma e Parigi, i due poli d'attrazione dell'Europa moderna con cui la Torino di quegli anni intesse un intenso dialogo di idee, opere, artisti che contribuiscono a una stagione epocale di rinnovamento delle arti sulla scena internazionale. Favole antiche nei teatrali quadri di storia, i racconti sacri delle pale d'altare, la seduzione di aggraziate sculture e raffinati dipinti, la preziosità di arredi e ornamenti – tra cui il Bucintoro dei Savoia – accompagnano appassionati d'arte e semplici curiosi in un sorprendente percorso alla ricerca di un'identità moderna.

La curatela dell'esposizione, progettata dalla Fondazione 1563 per l'Arte e la Cultura,  è affidata a Michela di Macco (Università di Roma La Sapienza) e Giuseppe Dardanello (Università degli Studi di Torino) insieme a un comitato scientifico internazionale.

L'evento si svolge nel pieno rispetto delle norme imposte dall'emergenza sanitaria e con turni d'ingresso di massimo 50 persone ogni mezz'ora.