News

Le tradizioni natalizie a Gran Canaria

Così si celebrano il Natale e il Capodanno

di RM IDEAS FACTORY

Inverno 2020

RANCHO DI PASQUA E BALLI POPOLARI, RAPPRESENTAZIONI SACRE, SFILATE E LE IMMANCABILI SPECIALITÀ DEL PERIODO, DOLCISSIME TRUCHAS IN TESTA. A GRAN CANARIA, IL NATALE IL CAPODANNO SULLA SPIAGGIA DI LAS CANTERAS

Le Isole Canarie vivono le tradizioni con caratteristiche simili, in alcuni casi, a quelle di qualsiasi altra regione spagnola, in altri casi con declinazioni piuttosto diverse. Queste sono alcune delle usanze di Gran Canaria a Natale

 

Rancho di Pasqua

I Rancho di Pasqua sono gruppi musicali figli delle tradizioni peninsulari, con un accenno di eredità moresca. Inizialmente si chiamavano Rancho di Anime o Rancho di Natale. Nacquero intorno al XVI secolo e anticamente eseguivano canti accompagnati da strumenti a corda e a percussione, vagando per i paesi durante il mese di novembre per raccogliere le elemosine destinate a celebrare le messe per i defunti (aiutandoli così a uscire dal Purgatorio). Questa usanza dei Rancho di Anime durava fino a Natale, e furono ribattezzati Rancho di Pasqua poiché, in spagnolo, il termine Pasqua si riferisce non solo alla festa della Resurrezione, ma anche ad altre tre celebrazioni cristiane: Natale, Epifania e Pentecoste.

Danze popolari

Le danze popolari, come i Balli della Culla e i Balli del Bambino, sono un’altra delle tradizioni natalizie delle isole. Queste usanze non erano così diffuse come i Rancho di Pasqua, ma sono ancora molto in voga in alcune città di Gran Canaria e Tenerife. Il Ballo della Culla è tipico di Santa María de Guía, a Gran Canaria, e viene danzato il giorno di Natale nella piazza del paese, dove viene sistemato un presepe e quattro coppie ballano in fila attorno a esso.

 

L’Avvento

La rappresentazione dell’Avvento e della nascita di Gesù è un’altra delle tradizioni principali di questo periodo. Molte famiglie mantengono l’usanza di incontrarsi a casa e preparare, con amore e con tocco personale, il presepe, rappresentando le scene più tipiche dell’adorazione di Gesù Bambino (la mangiatoia, il mulo e il bue, i pastori, l’arrivo dei Magi, ecc). Nelle piazze principali di molti paesi e città vengono create delle vere e proprie opere d’arte che reinterpretano i presepi e altre rappresentazioni legate alla tradizione e alla cultura locale. Un classico, a Las Palmas de Gran Canaria, è lo spettacolo del presepe di sabbia, unico in Europa, che si svolge sulla spiaggia di Las Canteras e conta, per la sua creazione, su rinomati scultori di prestigio internazionale che, anno dopo anno, si superano per abilità ed estro.

I Re Magi

Nonostante negli ultimi decenni si sia iniziato a festeggiare di più il Natale in Spagna, la festa più importante resta sempre l’Epifania. Oltre alle classiche sfilate dei Re Magi, in molte località delle Canarie è consuetudine drammatizzare in pubblico l’Adorazione dei Re Magi, in cui viene rappresentato il lungo viaggio che essi compirono dall’Oriente a Betlemme per adorare il Bambino Gesù e consegnargli i loro doni (oro, incenso e mirra). L’Adorazione ha diverse varianti a seconda della località in cui viene celebrata: all’interno di una chiesa, nella piazza principale della città, o anche in vari ambienti distribuiti in tutta l’area urbana, come accade nella città di Agüimes, a Gran Canaria, a cui ogni anno partecipano più di 300 figuranti.

 

Golosità natalizie

La gastronomia tradizionale e le ricette natalizie non possono mancare in questo periodo nelle case delle famiglie canarie. La cernia e il baccalà hanno una certa importanza sulla tavola, come anche il capretto e il coniglio in salmorejo. Tuttavia, i veri protagonisti di queste feste sono, senza dubbio, i dolci. Ogni isola ha le sue usanze, ma il dolce natalizio preferito da tutti è la trucha: frittelle solitamente di pasta sfoglia, ripiene di patate dolci o zucca, di pasta di mandorle o di cabello de ángel (una marmellata a base di zucca molto diffusa in Spagna). Non c’è niente che identifichi di più il Natale alle Canarie dell’odore di pasta sfoglia calda, cannella e patate dolci.

 

Novità Capodanno 2021

La spiaggia di Las Canteras, a Las Palmas de Gran Canaria, inviterà tutta la Spagna a salutare il 2021 con i rintocchi di Capodanno, che saranno trasmessi dal gruppo Mediaset in televisione, offrendo a tutto il Paese un addio al 2020 molto diverso dal solito. L’evento è già eccezionale di per sé, perché la maggior parte del territorio spagnolo celebrerà i rintocchi da un fuso orario differente, dato che le Isole Canarie sono un’ora indietro rispetto al resto della Spagna.

www.grancanaria.com 

 

La ricetta delle Truchas

  • ½ kg di farina
  • 1 kg di patate dolci
  • 750 g di zucchero
  • 100 g di mandorle pelate
  • Scorza di limone grattugiata
  • 3 cucchiai di burro per la pasta sfoglia
  • Olio di oliva
  • Cannella in polvere
  • Sale

Preparazione

Impastare mescolando la farina con l’acqua, il burro, un bicchierino di olio d’oliva e un po’ di sale, lentamente affinché non si formino grumi. Lasciar riposare per 30 minuti. Questo impasto si userà in seguito per le trucha. Stufare le patate dolci con acqua e sale, scolarle e schiacciarle. Il ripieno: mescolare le patate dolci con le mandorle tritate, lo zucchero, il limone grattugiato e la cannella in polvere, fino a quando la massa ottenuta diventa compatta e densa. Cospargere di farina la tavola, stendere l’impasto con un mattarello e formare dei cerchi di circa 8 o 10 cm di diametro. Mettere un po’ di ripieno all’interno e piegare con cura, unendo i bordi e schiacciandoli con una forchetta. Friggere in olio molto caldo. Una volta tolto dal fuoco, spolverare con lo zucchero a velo. Lasciar raffreddare e servire.

(Foto di PROMOTUR TURISMO DE CANARIAS)