News

Workation

Un nuovo modo di fare turismo a Gran Canaria

di RM IDEAS FACTORY

Primavera 2021

IN TEMPI DI SMART WORKING E RESTRIZIONI, È POSSIBILE COMBINARE TELELAVORO E VACANZE? LA RISPOSTA È SÌ, GRAZIE AI PACCHETTI TURISTICI DI WORKATION PROPOSTI DAI TOUR OPERATOR NELLE METE DI MAGGIOR RICHIAMO. GRAN CANARIA FIGURA TRA LE PRIME DESTINAZIONI AL MONDO, PERFETTA PER TELELAVORARE BENE (CON TUTTI I SERVIZI DEL CASO) VIVENDO IN UN PARADISO

All’inizio dell’era digitale il telelavoro non era diffuso a causa della larghezza della banda wi-fi e del costo delle applicazioni. Ma dal 2008 in poi, i costi si sono notevolmente ridotti. Prima della pandemia, solo il 6% dei lavoratori era in telelavoro, ora è il 30%. La tecnologia era già disponibile, ma non la cultura, dove si affermava il concetto del «se funziona, perché cambiarlo?», e prevaleva la comodità di poter controllare i propri dipendenti in azienda. La pandemia è servita da catalizzatore di una tendenza che elimina problemi come tempi di spostamento, traffico, costi degli alloggi nelle città, conciliazione con la vita personale, ecc. In tempo di telelavoro e restrizioni, insieme allo smart working è cresciuta la voglia di viaggiare. Il turismo inizia a combinare telelavoro e vacanze in pacchetti turistici di workation nelle destinazioni più amate. Gran Canaria, attraverso i suoi enti propulsori (turistico ed economico), in collaborazione con aziende e operatori del settore, ha promosso questi nuovi concetti grazie a piattaforme quali www.repeople.co o nuestrograndestino.es. Inoltre, attraverso l’iniziativa Best in Gran Canaria (bestingrancanaria.com), uno degli agenti locali che sostengono la conoscenza dell’isola e la crescita del settore. Infine, in nomadlist.com, per nomadi digitali, Gran Canaria figura tra le prime destinazioni mondiali.

© Hashtag WorkSpace Coworking

L’isola è ben posizionata per costo della vita, clima e connettività, e si distingue per aspetti come sicurezza, diversità/ comunità LGBTQ e qualità dell’aria. In questo senso, l’isola e, in particolare, Las Palmas de Gran Canaria spiccano per la posizione bioclimatica strategica, l’offerta di spazi di coworking, la qualità della vita e il sistema sanitario. Un intero universo di possibilità di quello che sarà, ed è già, il nuovo modo di concepire viaggi e turismo e che trova anche negli operatori turistici, soprattutto del nord Europa, un grande alleato. Per chi vuole iniziarsi all’esperienza, il tour operator svedese Ving ha lanciato, in collaborazione con Turismo Gran Canaria, il Ving Workation, un pacchetto che permette di viaggiare e lavorare in remoto dall’hotel con un supplemento minimo sul costo del viaggio. Ed ecco che la tipologia di alloggio si trasforma anche in ufficio: wi-fi, scrivania, sedia ergonomica e addirittura il salva schermo per PC, per poter lavorare all’aperto. A fine giornata lavorativa c’è ancora un’intera isola da esplorare, sole, nuoto, spiagge, borghi antichi e una natura spettacolare. In alternativa si può rimanere in hotel a godersi i servizi, dal centro benessere alla piscina, o rilassarsi su una terrazza sul mare.

Spiaggia di Las Canteras a Las Palmas

 

Ma com’è il telelavoro da Gran Canaria?

Immaginiamo una giornata di telelavoro sull’isola, in compagnia del miglior sole sull’Atlantico. Telelavoratori di mezzo mondo sono arrivati qui per varie ragioni, ma sicuramente uno dei motivi è avere a disposizione tutte le risorse di cui si ha bisogno per sviluppare il proprio lavoro, oltre alla possibilità di vivere una vacanza o un’intera stagione in paradiso.

 

L’arrivo in aeroporto

L’isola è ben collegata, con voli diretti dalle principali città europee, e accoglie il visitatore con temperature che lo avvolgono calorosamente tutto l’anno. Il transfer dall’aeroporto è semplice, cos. come gli spostamenti in tutta Gran Canaria. Ottimi mezzi pubblici, buoni collegamenti stradali con qualsiasi punto dell’isola e, se ci si vuole muovere in autonomia, innumerevoli autonoleggi.

 

Dove alloggiare

Gran Canaria offre un’ampia varietà di coworking e coliving, hotel, appartamenti e agriturismi per tutte le tasche. In quanto alla connessione Internet, la qualità della rete è una delle ragioni del successo dell’isola come meta di lavoro. L’isola è un gigantesco luogo di incontro di viaggiatori di ogni tipo e condizione, provenienti da tutto il mondo, persone che inseguono il bel tempo, le onde, o che cercano la tranquillità, o un luogo dove lavorare bene e vivere bene; comunque sia, l’isola è sicuramente un ritrovo di persone aperte alla condivisione di esperienze e culture.

La capitale accoglie un buon numero di nomadi digitali e telelavoratori stabiliti sull’isola, ma ci sono spazi per facilitare il lavoro su tutto il territorio, rendendo più facile soggiornare nel luogo che si preferisce, in una località turistica o in tranquilli paesini dell’entroterra a ridosso delle montagne. Uno dei momenti importanti della giornata lavorativa è l’ora di pranzo. A Gran Canaria si segue l’orario spagnolo, ma qui ci si prende il giusto tempo per assaporare in tutta calma i piatti locali influenzati da sapori, odori e colori di due emisferi e mezzo. Dopo pranzo è ora di tornare in ‘ufficio’.

Las Palmas de Gran Canaria

Se si sceglie di lavorare a due passi dal mare, in uno degli spazi di coworking a Las Palmas de Gran Canaria, è opportuno sapere che la città offre intrattenimento, svago e cultura durante tutto l’anno. Le sue dimensioni medie e il suo status di nodo turistico le conferiscono dimensioni sufficienti per lo sviluppo professionale. Tutta l’isola è un’enorme palestra all’aperto dove c’è sempre qualcosa da fare. Un’isola di spiagge protette e paesaggi naturali, una destinazione amichevole che invita a rimanere. Dopo un pomeriggio al lavoro, un po’ di vita da spiaggia non guasta: musica all’aperto, surfisti, una partita a beach volley, chi legge un libro e chi prende un aperitivo.

Surf a Las Canteras

Il tramonto è il momento ideale per conoscere i dintorni, fare una passeggiata nel centro storico alla scoperta delle appassionanti storie e dei vestigi dell’epoca coloniale, tra vicoli acciottolati ed edifici del 1500 che trasportano all’epoca di Cristoforo Colombo, per cui Gran Canaria è stato l’ultimo luogo conosciuto, l’ultima tappa sulle mappe prima di arrivare in America.

Casa Museo di Cristoforo Colombo

Quella traccia di antico crocevia e il ricordo della visita di viaggiatori e navigatori si trovano in ogni strada e negli angoli pieni di storia dei centri storici delle località più emblematiche dell’isola. Uscire alla sera è la norma per gli abitanti locali, anche in inverno grazie alla temperatura notturna così piacevole. Questa norma facilmente adottabile, unita alla soddisfazione di lavorare sentendosi in vacanza, accompagna i sogni dei nuovi nomadi digitali. C’è ancora tanto da scoprire, ma sotto il manto del bel tempo e della vita tranquilla dell’isola non è necessario scoprire tutto subito.

Gran Canaria, #tantodavivere.

 

www.grancanaria.com

 

(Foto di ENTE TURISMO GRAN CANARIA)