News

Itinerari insoliti

sotto il cielo di Berlino

di Silvia Donatiello

Primavera 2024

STREET ART, RINASCIMENTO, PANORAMI, ATMOSFERE BOHÉMIEN, GRAFFITI, MUSICA, GASTRONOMIA, RELAX, BUNKER SOTTERRANEI... BERLINO HA MILLE SFUMATURE, DALLE PIÙ CONOSCIUTE A VERE E PROPRIE PERLE NASCOSTE

Berlino è una di quelle grandi città europee che uno dovrebbe visitare almeno una volta nella vita, per poi poterci ritornare il prima possibile. Quando si organizza un viaggio a Berlino, si pensa sicuramente al Muro di Berlino, alla Porta di Brandeburgo, al Reichstag, al Pergamon Museum, alla East Side Gallery, al Memoriale dell’Olocausto, ad Alexanderplatz e al famoso Checkpoint Charlie. E questo solo per citare alcune delle icone più rappresentative della città. Ma Berlino è molto di più. Berlino è sinonimo di contemporaneità, libertà, sperimentazione, storia, memoria e divertimento. Ogni volta la capitale tedesca presenta un volto diverso e un itinerario diverso a chi ha voglia di scoprire le sue mille sfaccettature.

Museo Urban Nation

Uno dei suoi tratti distintivi è la naturale apertura della città e dei suoi abitanti alla street art e, allo stesso tempo, il recupero storico dei suoi monumenti e il rapporto con la natura. In questo contesto è nato Urban Nation, il primo museo esclusivamente dedicato alla street art. Uno dei simboli di Berlino è l’essenza creativa e alternativa che abita ogni angolo della città e che va oltre le opere che ricoprono ciò che resta del muro nella East Side Gallery, poiché comprende angoli e muri che sono stati occupati da artisti sconosciuti e rinomati provenienti da tutto il mondo. La città è lo scenario perfetto per la creazione e l’apertura dell’Urban Nation Museum, il primo museo permanente di street art e graffiti. Situato nel quartiere di Schöneberg, nella parte occidentale della capitale tedesca, il nuovo centro espone le opere di oltre 200 artisti provenienti da ogni angolo del mondo e specializzati nello sviluppo di progetti artistici su muri, edifici e spazi pubblici. Con nomi di spicco come Schepard Fairey, Olek, Fintan Magee o Lora Zombie, Urban Nation nasce all’insegna del motto “Connettere, creare, proteggere”, con l’obiettivo di essere uno spazio, un palcoscenico e un riferimento per l’arte urbana, e quindi di promuovere e mettere in contatto gli artisti con il loro pubblico, sia berlinese che straniero.

Berlino - Urban Nation Museum

Urban Nation Museum © Nika Kramer

Berlino è sinonimo di contemporaneità, libertà, sperimentazione, storia, memoria e divertimento

La Cittadella di Spandau

Seguendo sempre questo concetto di recupero storico e creatività alternativa, consiglio di visitare, a nord della città, la Cittadella di Spandau, che si trova sulle rive del fiume Havel. La fortezza è considerata una delle strutture militari risalenti al Rinascimento meglio conservate di tutto il continente europeo. Se siete tra coloro che cercano la storia dell’architettura nelle vostre visite, questo sito vi piacerà, perché ospita l’edificio più antico di questa parte della Germania, la Torre di Giulio, costruita nel XIII secolo. Tuttavia, il resto della cittadella fu realizzato nella seconda metà del XVI secolo, tra il 1559 e il 1594, sostituendo le strutture più antiche che si trovavano lì, ma lasciando la torre. L’intera struttura fu poi gravemente danneggiata durante gli attacchi napoleonici e dovette essere restaurata.

Berlino - Cittadella di Spandau

Cittadella di Spandau © Friedhelm Hoffmann

La fortezza è composta da quattro bastioni, posti agli angoli dell’edificio in mattoni e intitolati al re, alla regina, al Brandeburgo e al principe. Durante il periodo buio del nazismo, la fortezza subì un destino infelice. A partire dal 1935, infatti, furono attivati qui laboratori di ricerca per la produzione di gas tossici, poi definitivamente bonificati solo nel 1976, quando ebbe inizio la trasformazione in museo. Nel corso degli anni successivi, i musei si sono moltiplicati e oggi è possibile visitare la torre e la cittadella, la sala da parata, dove sono raccolte vecchie armi e cannoni, i sotterranei con vista sulle fondamenta della fortezza e le lapidi di un cimitero ebraico medioevale, il museo della città di Spandau, i magazzini dei viveri con 100 statue originali, fra le quali spicca la testa di Lenin dalla statua di Friedrichshain, decapitata dopo la caduta del muro. È presente anche un centro di arte moderna, una cantina dove stazionano alcune popolazioni di pipistrelli e circa quaranta atelier di artisti contemporanei. Oggi questo luogo ospita diverse mostre storiche nel suo museo e spettacoli all’aperto, come il Festival musicale della Cittadella.

Tram storico Rahnsdorf-Woltersdorf

Berlino - Tranvia di Woltersdorf

Tranvia di Woltersdorf © Michael Schulz Berlinstagram

Se si ha voglia di fare un altro viaggio nel tempo e nella natura, il tram storico Rahnsdorf-Woltersdorf offre un affascinante percorso tra Berlino e Brandeburgo, attraverso paesaggi incantevoli e suggestivi. Questa linea di tram, inaugurata nel lontano 1913, è rimasta fedele al suo percorso originale, permettendo ai passeggeri di godere di un’esperienza autentica e nostalgica. Il viaggio ha inizio dalla tranquilla località di Rahnsdorf, situata al lato della foresta di Berlino. Da qui, il tram attraversa i suggestivi paesaggi naturali, offrendo ai passeggeri la possibilità di immergersi nella bellezza della campagna brandeburghese: boschi, campi verdi e il fiume Spree che scorre placido nelle vicinanze, durante il tragitto di circa 20 minuti. Il percorso è rimasto invariato nel corso degli anni, mantenendo intatto il suo fascino d’epoca. È una testimonianza vivente della storia del trasporto pubblico nella regione. Per raggiungere Rahnsdorf e salire a bordo del tram, è possibile utilizzare la linea S3 in direzione Erkner. L’intero percorso del tram appartiene alla zona C, quindi con i biglietti validi per questa zona si può viaggiare lungo questa affascinante linea.

Quartieri e luoghi insoliti

Berlino è cosmopolita, ricca di diversità culturali, aperta a ogni tipo di idea e modo di pensare. È un bastione della cultura alternativa e sperimentale, e basta fare una passeggiata nei quartieri più fuorimano per scoprire che se si è alla ricerca di qualcosa di diverso, qui c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Friedrichshain-Kreuzberg

Il quartiere di Friedrichshain-Kreuzberg rappresenta l’epicentro della modernità a Berlino. Il risultato della fusione dei quartieri di Kreuzberg e Friedrichshain nel 2001 ha creato una vibrante e dinamica area urbana che attira una variegata comunità di residenti e visitatori. Kreuzberg porta con sé un’atmosfera bohémien, con la presenza di studenti e artisti che conferiscono al quartiere un’aura creativa e alternativa. Dall’altra parte, Friedrichshain è rinomato per ospitare la più alta densità di club della città, rendendolo il cuore pulsante della vita notturna berlinese. In questo quartiere, ogni angolo risuona di energia e creatività. Musicisti di strada intrattengono i passanti, spazi creativi e gallerie d’arte emergono in ogni direzione e l’atmosfera vivace è palpabile in ogni momento della giornata. Kreuzberg è il luogo ideale per immergersi nella cultura hip-hop, indie e pop, con una varietà di locali che offrono una vasta gamma di esperienze musicali.

Berlino - Friedrichshain-Kreuzberg

Il quartiere artistico Friedrichshain-Kreuzberg

RAW-Gelände

Berlino - Cabina Teledisko

Cabina Teledisko

RAW-Gelände, situato nelle vicinanze di Friedrichshain Kreuzberg, merita una menzione speciale. Originariamente quest’area industriale era dedicata alla riparazione dei treni, oggi è stata trasformata in uno spazio dedicato al tempo libero, alla cultura e all’arte all’aperto. Di notte, questo luogo prende vita con feste animate ed eventi culturali, offrendo un’atmosfera vibrante ed energica. Inoltre, se si vuole vivere un’esperienza unica si può ballare (sfido chiunque a riuscirci) nella Teledisko, una cabina telefonica trasformata nella discoteca più piccola del mondo. I graffiti sono una parte integrante dell’identità di RAW-Gelände, con i murales di Cassiopea che rappresentano un punto di riferimento per gli amanti della street art. Questo luogo eclettico e vivace è diventato una tappa imprescindibile per scoprire la creatività e l’effervescenza della scena culturale di Berlino.

Kulturbrauerei

Nel cuore del quartiere di Prenzlauer Berg sorge la Kulturbrauerei, un’affascinante enclave culturale nata dalla riconversione di una storica birreria del XIX secolo. I suggestivi edifici in mattoni rossi, risalenti a quell’epoca, sono stati riportati al loro antico splendore negli anni ’90, trasformandosi in uno spazio dinamico e poliedrico che ha rapidamente conquistato il cuore della città. L’iniziativa di riqualificare questi edifici ha riscosso un tale successo che la Kulturbrauerei è ora un punto di riferimento imprescindibile per la scena culturale di Berlino. Questo vasto complesso, composto da 12 edifici e vari cortili, ospita una miriade di attività che spaziano dal teatro alla letteratura, dalla gastronomia alle mostre, dagli eventi ai concerti, dallo sport alla vita notturna. Con una tale varietà di proposte culturali, consiglio vivamente di tenere d’occhio il sito web della Kulturbrauerei per rimanere costantemente aggiornati sulle ultime novità e gli eventi in programma.

Berlino - Museo nel Kulturbrauerei

Museo nel Kulturbrauerei

Il Mauerpark

Letteralmente traducibile come “parco del muro”, occupa lo spazio dove un tempo sorgeva il muro del 1961, che separava l’ex area di Prenzlauer Berg da Wedding. Durante la settimana, questo parco è un’oasi di tranquillità e relax, ma nei fine settimana si trasforma in un vivace centro di attività e intrattenimento. Qui è possibile immergersi nell’atmosfera frenetica e colorata del mercato delle pulci, assistere a partite di calcio, basket e bocce, osservare giocolieri che intrattengono il pubblico con le loro abilità, godere della musica dal vivo o, perché no, partecipare a qualche divertente karaoke. Il Mauerpark è diventato così un luogo iconico di Berlino, apprezzato sia dai residenti che dai visitatori, che desiderano vivere il ritmo più rilassato e informale della città.

Berlino - Mauerpark

Mauerpark

Unterwelten berlinese

E finiamo sottoterra, non il modo più tradizionale per concludere un viaggio. La capitale tedesca vanta più di 3.000 bunker sotterranei, testimonianza della Seconda guerra mondiale e della Guerra fredda. Oggi è possibile esplorarne alcuni, per comprendere la loro costruzione, il loro utilizzo e la vita sotterranea che li ha caratterizzati. Le visite guidate offrono l’opportunità di immergersi in questo mondo oscuro attraverso diverse prospettive. Mondi nell’oscurità, Bunker della Seconda guerra mondiale, Bunker, sotterranei e Guerra fredda e Fughe sotto il muro di Berlino sono solo alcune delle opzioni disponibili. Si possono acquistare i biglietti anticipatamente presso Berliner Unterwelten. Esplorare i bunker sotterranei di Berlino è un’esperienza decisamente insolita, decisamente dark, ma tra le “cartoline ricordo” che uno si porta a casa da un viaggio costituisce sicuramente un unicum indimenticabile.

Berlino - Museo Berliner Unterwelten

Museo Berliner Unterwelten © Frieder-Salm

 

Per ulteriori informazioni:

www.visitberlin.de

 

(foto di VISIT BERLIN)