News

Palazzo Saluzzo Paesana

300 anni di storia a disposizione della città

Primavera 2022

PER UNA CENA DI GALA, PER UN COCKTAIL AZIENDALE, PER UNA MOSTRA O PER LA PRESENTAZIONE DI UN LIBRO. COME LOCATION DI SHOOTING, PER ESSERE CHEF PER UNA NOTTE. SCOPRIAMO I MILLE VOLTI DI PALAZZO SALUZZO PAESANA, TRA L’APPARTAMENTO PADRONALE E L’EX TEATRO PAESANA. NEL FASCINO DI UNA STORIA COMINCIATA TRE SECOLI FA

Benvenuti a Palazzo Saluzzo Paesana, un pezzo importante della storia architettonica di Torino, forse il più vasto e articolato palazzo nobiliare della città, realizzato da Gian Giacomo Plantery fra il 1715 e il 1722 per conto del Marchese Baldassarre Saluzzo di Paesana. Se l’ingresso non passa inosservato e la corte interna rappresenta una piccola bomboniera, è certamente l’Appartamento Padronale dei Saluzzo, situato al piano nobile, a costituire il cuore della proposta del Palazzo per tutto ciò che riguarda eventi, cene di gala e mostre. Una superficie di 560 metri quadrati, suddivisi in ambienti tra loro collegati, come la Sala dei Busti, grande salone dall’aspetto monumentale, la Camera di Parata, l’interno più sfarzoso del Palazzo, decorato da tre sovrapporta e un affresco a tutta volta, capolavori dell’artista savonese Domenico Guidobono, la Biblioteca, il Salotto Giallo, adibito a sala per aperitivi di accoglienza o after dinner. E c’è anche il Boudoir, due salette adiacenti, in origine appartamenti privati della Contessa, ora destinate a ospitare guardaroba e vestiaire durante gli eventi. L’intero appartamento conserva ancora oggi arredi e decori settecenteschi, il che lo rende uno spazio davvero suggestivo per eventi privati, aziendali e culturali. Per un pranzo o una cena di gala, ad esempio, è capace di ospitare fino a 100 partecipanti seduti (fino a 50 in una singola sala) e grazie a speciali convenzioni con chef di talento, con catering e con una rosa di fornitori selezionati, il team di gestione della struttura offre ai propri clienti la possibilità di organizzare l’evento nella sua totalità. Per ricorrenze istituzionali o per la presentazione di prodotti e servizi, ben si presta anche a ospitare cocktail party e ricevimenti a buffet fino a 150 ospiti.

Cortile d'Onore - Palazzo Saluzzo Paesana

Cena placé nel Cortile d’Onore

 

 

La Sala dei Busti è ideale per essere allestita a platea fino a 50 partecipanti, per un meeting o una conferenza di prestigio. Per l’occasione, è possibile curare l’allestimento delle sale, il service audio/video ed eventuali servizi di catering. Inoltre, le diverse mostre e iniziative culturali ospitate a Palazzo dimostrano che lo spazio è un perfetto contenitore di opere d’arte. Ma non solo, molti registi sono rimasti affascinati dagli spazi di Palazzo Paesana, da Ettore Scola a Marco Bellocchio e Paolo Sorrentino, che vi ha ambientato gran parte delle scene de Il divo. Oltre che come location per set cinematografici, la struttura è disponibile per ospitare photoshooting per servizi di moda o complementi di arredamento. Grazie a un recente lavoro di recupero, che ha riportato ai suoi antichi splendori la cucina dei Marchesi di Saluzzo, gli spazi si presentano in una veste rinnovata e dotati di attrezzatura professionale.

Lancio GLO - Palazzo Saluzzo Paesana

Lancio italiano di GLO – allestimento in cortile

Chef e catering possono dunque usufruirne, ma anche gli appassionati di alta gastronomia possono riservare lo spazio e stupire i propri ospiti preparando per loro una cena servita nell’antica sala da pranzo dell’Appartamento. Proponendosi come “chef per una notte”, insomma. Oltre all’attrezzatura professionale presente in cucina e alla completa mise en place fino a 12 coperti, sono a disposizione un sous-chef e un cameriere di sala, pronti a coadiuvarvi per la perfetta riuscita della serata. Oltre all’Appartamento Padronale, la proprietà dispone di un ulteriore spazio, situato al piano terra dalla parte opposta rispetto all’ingresso principale su via della Consolata: l’ex Teatro Paesana, nato a metà del ’700 negli spazi originariamente concepiti come secondo androne di Palazzo Saluzzo Paesana, fatto chiudere per disposizione del Re Vittorio Amedeo II pochi anni dopo la costruzione. Lo spazio, sopravvissuto a trasformazioni e a frazionamenti, è ora oggetto di un importante intervento di recupero, volto a restituirne l’originaria vocazione e funzione di pubblico spettacolo tramite l’organizzazione di eventi espositivi e culturali, grazie al collegamento con il piano nobile del Palazzo attraverso l’imponente cortile d’onore. L’ex Teatro Paesana consta di una superficie di 130 metri quadrati divisi in due ambienti comunicanti tra loro, la sala principale e la galleria. Un’ulteriore occasione per vivere la magica atmosfera di questo angolo storico di Torino, che proprio quest’anno celebra il suo 300esimo compleanno. Insomma, Palazzo Saluzzo Paesana è buon esempio di come un pezzo di storia della città, con l’adeguata sensibilità, possa ritrovare nuova vita anche nel presente. Vestita di un abito pensato per essere contemporaneo, senza rinunciare a un fascino secolare; un abito in cui all’appeal storico si affiancano eventi, amore per la buona cucina, arte, cinema, spazio per il dibattito. D’altronde le case sono così: per vivere hanno bisogno delle persone; vale anche per i palazzi nobili della nostra città.

www.palazzosaluzzopaesana.it

Loggiato aperitivo - Palazzo Saluzzo Paesana

Loggiato allestito per aperitivo all’esterno

(Foto di PALAZZO SALUZZO PAESANA)