News

Fanfaluch

è una splendida sorpresa

Primavera 2022

UNA SALA DA VISITE GUIDATE. UNA SELEZIONE DI VINI SCELTI PER AMORE DELLA MATERIA. UN'OFFERTA CULINARIA BRILLANTE E MAI BANALE. FANFALUCH SI È PRESO, CON ELEGANZA E CALORE, PIAZZA VITTORIO; E A MAGGIO RADDOPPIA CON UN’ENOTECA IN VIA BOGINO

L o diciamo senza mezze misure: Fanfaluch è una splendida sorpresa. E non solo: è un’idea coraggiosa (perché il locale ha aperto ad agosto 2020), è una scommessa (perché porta un’offerta di qualità in uno dei cuori pulsanti della movida torinese) ed è molto profumato (una delle prime cose che ci ha colpito appena entrati). Subito dopo è stato il turno della bella esposizione di vini, che ci accoglie, insieme a Federica, ideatrice, socia fondatrice di Fanfaluch, appassionata di profumazioni d’ambiente: «È stata una scelta di cuore, nata dall’amore per il vino e il buon cibo, una scelta anche di bellezza, perché amo questa piazza a qualunque ora. Per noi è troppo spesso scontata o solamente luogo di movida, per il resto del mondo è una delle più grandi e magnifiche piazze d’Europa. Volevamo andare un po’ controcorrente, con una proposta medio-alta di aperitivo che diventasse facilmente cena, e una carta dei vini non banale. Ci sono grandi classici e scelte personali: io seguo il percorso delle bollicine (la mia passione) e il mio socio, Edoardo, si occupa dei rossi (la sua passione), mentre sui bianchi troviamo il nostro compromesso. Siamo complementari e questo ci aiuta. Lui è romano, e accanto a un menù prettamente piemontese, per “par condicio”, chiede rivisitazioni ad hoc come cacio e pepe rosa e salsiccia del maslè, il giusto mix tra le nostre differenti culture enoculinarie».

Piemontesina bela - Fanfaluch

Piemontesina bela (degustazione piemontese)

Il programma potrebbe essere questo: passeggiata in piazza, tramonto su Po e Gran Madre, aperitivo da Fanfaluch, scegliamo la Piemontesina Bela con vitello rosa tonnato, flan di verdure di stagione con fonduta valdostana, tartare con scaglie di parmigiano, tomini con salsa verde, insalata russa e pistacchi di Bronte, un buon calice di rosso e, una cosa tira l’altra, finiremo a ordinare i primi e una bottiglia intera… e poi chissà. «Fanfaluch è chiaro richiamo alla tradizione linguistica piemontese – spiega Federicaun nomignolo, in realtà non molto vezzeggiativo, che appena ci è capitato a tiro abbiamo fatto nostro. Suona bene adattato ai piatti del menù o in giochi di parole, genera simpatia e complicità, è facile da ricordare o abbreviare. Riesce a essere sia fresco che tradizionale, un po’ come il “fanfaluch”, accogliente per indole, mai banale nelle proposte, brillante senza diventare formale. Tutti elementi che sono alla base del nostro percorso, che a maggio raddoppierà con l’apertura di un secondo punto, in via Bogino, incentrato sui vini e sulla vendita di prodotti piemontesi d’eccellenza, come il tartufo. Un altro figlio della passione per questi mondi e di un amore che abbiamo riversato alla grande nella realizzazione della sala al piano di sotto, la nostra chicca».

Interno - Fanfaluch

Locale accogliente

Ecco, siamo arrivati a questo punto: Fanfaluch è bello, nel déhors, nel bancone all’entrata… poi scendi le scale, giri un angolo, e l’unica cosa con cui ti confronti è un clamoroso “effetto WOW”. Il Fanfaluch ha al piano di sotto un vero gioiello: una sala con la luce soffusa, il soffitto a volta bianco, la mis en place deliziosa, le poltroncine alternate verdi-blu, l’illuminazione sullo sfondo, il legno che ci riporta alla materia prediletta del vino, perfino un piccolo palcoscenico, per spettacoli, talk, anche musica. Onestamente siamo rimasti a bocca aperta, e non ci capita spesso. Questa sala speciale ci ha ricordato l’importanza delle sorprese, la necessità umana di stupirci, come da bambini di fronte a un regalo o alla neve. Quindi, che sia nel déhors su una delle piazze più belle d’Europa o in una sala uscita direttamente da un disegno di Dante Ferretti, che sia rosso o bianco, trittico di mare fumé o degustazione piemontese, Fanfaluch sa stupire, e suggerirvelo ci sembra, senza false modestie, veramente un ottimo consiglio. Da scoprire e approfondire.

Vitello tonnato - Fanfaluch

Vitello tonnato alla maniera antica

(Foto di MARCO CARULLI)