News

  • 'Coco + Marilyn' di Douglas Kirkland al Palazzo Gromo Losa di Biella - Leggi tutto
  • 'CinemAutismo' in streaming con l'Associazione Museo Nazionale del Cinema - Leggi tutto
  • 'Io sono stata come lei' incontro online con il Circolo dei lettori - Leggi tutto
  • La videoproduzione ‘Green 2021’ online dalla Reggia di Venaria - Leggi tutto
  • 'Il Museo Egizio a casa tua', visitare online il Museo Egizio - Leggi tutto
  • La 'Carrozza del Re' ai Musei Reali - Leggi tutto

Vacanze in Piemonte

Going local, going green, anzi white

di Silvia Donatiello

Inverno 2020

QUESTINVERNO MUTA IL CONCETTO DI VIAGGIO E A VINCERE SONO IL TURISMO ATTIVO, SOSTENIBILE, E LE DESTINAZIONI DI PROSSIMITÀ. PER NOI, IL PIEMONTE: TRA NATURA, SPORT E ITINERARI OUTDOOR, IN UNA DIMENSIONE PIÙ LENTA, CONSAPEVOLE E SICURA. I CONSIGLI DEL TOUR OPERATOR TORINESE VERTICALIFE

Vacanze, weekend, quest’inverno la possibilità di muoversi fuori dalla propria regione sembra assai improbabile e sempre più remota. Dopo il lockdown della scorsa primavera, siamo arrivati in estate con un mix di sentimenti contrastanti addosso, e adesso, dopo questo secondo lockdown autunnale, ci appare sempre più chiaro che il nostro modo di viaggiare è cambiato sostanzialmente. La stagione invernale sarà di prossimità, più lenta, più consapevole e soprattutto più sicura. In questo scenario, nell’industria dei viaggi in Italia, il settore del turismo attivo e sostenibile sembra rispondere, più di ogni altro, alle esigenze del viaggiatore nel rispetto delle vigenti norme di sicurezza. Da viaggiatrice instancabile e amante dell’outdoor, ho chiesto a un operatore del territorio come reagire a uno scenario così cambiato. Ne ho parlato con Verticalife, tour operator di Torino specializzato in itinerari e viaggi outdoor da oltre dieci anni che, da sempre, ha proposto non solo desti nazioni internazionali e nazionali ma anche, e soprattutto, il nostro nord ovest, in special modo il Piemonte, affermandosi come punto di riferimento per il settore incoming, grazie anche alla consolidata rete di professionisti, servizi e strutture.

Camminata in ciaspole – Val Pellice

Riccardo Cipullo, uno dei due soci di Verticalife, mi racconta: «Quello che abbiamo notato e che continuiamo a notare è che, nonostante la situazione difficile, l’interesse per le attività outdoor sta crescendo incessantemente. La sfida è stata, ed è tuttora, quella di sviluppare e moltiplicare le offerte per le destinazioni ‘vicine’, assecondando la curiosità e i desideri di appassionati e amatori di itinerari e viaggi outdoor in Italia. La scelta è ampia e le risorse naturali del nostro territorio praticamente infinite, sia per coltivare al meglio le proprie passioni sia per scoprire per la prima volta un nuovo modo di viaggiare, esplorare e, perché no, vivere la quotidianità. L’outdoor come filosofia di vita: nella natura viviamo emozioni autentiche, troviamo equilibrio, recuperiamo energia e riscopriamo il valore del tempo. Oggi più che mai, ci siamo resi conto di quanto vivere la natura sia essenziale per il nostro benessere psicofisico. Con i nostri viaggi e le nostre attività cerchiamo di trasmettere questi valori a tutti coloro che desiderano rompere la routine approcciandosi a uno stile di vita differente e condividere nuove avventure con chi ama la natura».

Nella natura viviamo emozioni autentiche, troviamo equilibrio, recuperiamo energia e riscopriamo il valore del tempo

E Paolo Mele, l’altro socio, aggiunge: «Ovviamente gli scenari sono cambiati. I nostri clienti quest’anno sono stati principalmente italiani. Numeri alla mano, possiamo dire che i nostri utenti web da marzo a settembre 2020 sono aumentati di un 20% rispetto al 2019, una crescita importante se consideriamo che durante il lockdown le visite sono state praticamente inesistenti, e anche così siamo riusciti a crescere. I nostri clienti italiani sono aumentati di un 120% da giugno a settembre rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con una crescita di oltre il 50% nell’alpinismo, del 40% nel trekking e del 60% nell’MTB. Questi numeri sono facilmente spiegabili e trovano riscontro nella tendenza alla crescita del settore del turismo attivo e sostenibile, un settore che oggi, agli occhi di tutti, risulta strategico per il futuro del turismo lento in Italia, anche per le caratteristiche peculiari delle attività svolte, che sono prevalentemente all’aria aperta e che, quindi, permettono in questo momento di rispettare più facilmente il distanziamento fisico».

Sleddog – Val Troncea

Il Piemonte è un territorio ricco di proposte e, di questi tempi, il modo migliore per conoscerlo durante la stagione invernale è attraverso il trekking, lo scialpinismo, le escursioni in racchette da neve, e magari, perché no, una bella gita in slitta, in sleddog, nel Parco Naturale della Val Troncea, un’esperienza adatta a tutta la famiglia, sempre accompagnati da guide esperte che vi insegnano come praticare al meglio quest’attività. Data l’incertezza rispetto all’apertura degli impianti di risalita, perché non approfittare di questa situazione e imparare lo scialpinismo? Verticalife propone corsi a partire dal livello principianti, con lezioni in montagna tenute da guide alpine, per imparare la tecnica di salita, valutare le discese e utilizzare l’attrezzatura necessaria. Se invece si è già un po’ pratici, si può fare uno dei raid di scialpinismo più belli delle Alpi, attraverso cinque valli diverse per raggiungere la cima del Gran Paradiso (4061 metri SLM), o andare in Val Maira per un perfetto mix tra avventura e relax nei borghi in un autentico paradiso del backcountry, alla scoperta della cultura occitana.

Salita con le ciaspole – Val Thuras

Assolutamente da provare è l’esperienza di un’escursione con le ciaspole (accompagnati sempre da esperte guide escursionistiche), tra magiche foreste e imponenti vette piemontesi alla scoperta di vallate incantate; la Val Thuras, l’incanto dell’Alta Val di Susa e dei Monti della Luna dai panorami mozzafiato, la Valle Po, ai piedi del Monviso, per fare due irrinunciabili giorni di trekking tra gli strepitosi panorami offerti dalle selvatiche montagne innevate; o, ancora, la Val Pellice, tra conche incantate e bianche vette, che vi porta in uno dei luoghi più belli e selvaggi delle Alpi piemontesi, fino alla Conca del Prà, al Col Barant e al Colle della Croce. Inoltre, se amate la neve e non volete proprio rinunciarvi, anche lo sci di fondo potrebbe essere la soluzione per voi. Io lo pratico da anni in Valle Stura, che vanta diverse località attrezzate per questo sport: Bagni di Vinadio, Aisone e Festiona. Bastano poche lezioni con un maestro di sci, e tanta voglia di immergersi nella natura in paesaggi pressoché incontaminati, resi ovattati dalla presenza della neve. Forse, alla fine questa sfida che sta coinvolgendo tutti ci lascerà con un insegnamento prezioso: rispettare il nostro pianeta, apprezzarlo e amarlo, perché la natura ci ha dimostrato che può far benissimo a meno di noi, ma noi non possiamo fare a meno di lei.

Per più informazioni: www.verticalife.it

(Foto VERTICALIFE)