News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

#iosonotorino

di Alessandro Bollo

Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro

«Per me le priorità sono evidenti. Next generation, un grande progetto modello sulle scuole e sui ragazzi. Un percorso inter-istituzionale per (ri)pensare luoghi e opportunità dell’educazione primaria e secondaria. Lavorare sulla qualità dell’architettura, sulle tecnologie, sulle competenze dei docenti e sul potenziale dei ragazzi.

Occorre lavorare sulla qualità dell'architettura, sulle tecnologie, sulle competenze dei docenti e sul potenziale dei ragazzi.

Le scuole diventano anche laboratori e palcoscenici di iniziative co-progettate con la filiera culturale-creativa e associativa del territorio. Puntare sulla mobilità intelligente, in sinergia con le università e le imprese, anche utilizzando spazi urbani industriali in riconversione, da usare come ‘aree franche di sperimentazione’ in cui far arrivare innovatori, progetti, incentivi e abilitando comportamenti individuali e collettivi più sostenibili.

Far diventare i parchi e le aree verdi i nuovi spazi culturali della città: presidi smart, inclusivi, gestiti a rotazione dagli attori culturali e sociali del quartiere e della città, in grado di offrire opportunità e protagonismo alla cittadinanza».

 

 

Alessandro Bollo

Biellese, direttore della Fondazione Polo del ’900 di Torino e presidente di Kalatà. Precedentemente è stato cofondatore e responsabile Ricerca e Consulenza della Fondazione Fitzcarraldo. Esperto di management e di politiche della cultura, è docente in diverse università e centri di ricerca a livello nazionale e internazionale. Ha collaborato alla candidatura di Matera a Capitale Europea della Cultura per il 2019, facendo parte del comitato tecnico e coordinando la redazione del dossier finale di candidatura. È membro del Comitato scientifico della rivista Economia della Cultura, del Comitato di indirizzo di Biennale Democrazia e, precedentemente, della task force del terzo Piano Strategico di Torino. È autore di libri e articoli scientifici sul management della cultura.

 

Torino Magazine Speciale 2020.

In edicola e in libreria.