News

  • 'Filippo Juvarra regista di corti e capitali' alla Biblioteca Nazionale Universitaria - Leggi tutto
  • 'Mascarilla 19 – Codes of Domestic Violence' dal Castello di Rivoli in streaming - Leggi tutto
  • 'Mozart a Torino' concerto online al Teatro Carignano - Leggi tutto
  • 'Glocal Film Festival 2021' di Piemonte Movie è digitale - Leggi tutto
  • Il 'San Giovanni Battista' di Caravaggio ai Musei Reali - Leggi tutto
  • 'Nel nome del Dio web' in streaming dalla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani - Leggi tutto

#iosonotorino

di Alessandra Polselli

«Continuate a danzare, a lottare, a sognare»

Alessandra Polselli dirige la didattica accademica di danza classica alla storica scuola Carma. Nella sua carriera ha danzato in tutta Europa e all’inaugurazione delle Olimpiadi invernali di Torino 2006. Oggi le sue allieve partecipano a concorsi nazionali e internazionali, e li vincono.

Alessandra Polselli è uno dei nostri capitani metropolitani.

I capitani metropolitani sono ideali rappresentanti di tutti coloro che hanno fatto della tenacia e dello spirito di squadra il tratto distintivo di fronte alle difficoltà.

Tenere duro e non mollare mai, perché la danza vuol dire innanzitutto tenacia e coraggio. Alessandra ha un solo grande obiettivo: la rivalutazione della danza classica in città. Con questa idea ha intrapreso, a settembre 2019, una nuova avventura professionale. Facendo fronte a mille difficoltà, da vera capitana ha tenuto unita la squadra e affrontato la chiusura primaverile, poi la riapertura in una nuova location e, infine, un nuovo stop. In attesa di ripartire, il suo messaggio è chiaro: «Grazie alla danza ho imparato a combattere. E così mi sento viva».

Le sue parole:

«Il mondo della danza era, ahimè, in crisi già ben prima dell’emergenza sanitaria, così come tutto il settore dello spettacolo. Ma ora ci troviamo davanti a uno scenario nuovo.  

Continuate a danzare, a lottare, a sognare, noi artisti siamo in grado di fare grandi cose

Sappiamo bene come nelle avventure difficili sopravviva la qualità; in tal senso, credo che le scuole di danza che sanno fare eccellenza ne usciranno ancora più rafforzate, e tutti i miei entusiastici ballerini torneranno a ballare sui palcoscenici con ancora più vitalità e vigore.   

Ma non bisogna tralasciare l’aspetto professionale della danza: un anno di stop, per molti aspiranti ballerini, significa una carriera troncata, e già vedo alcuni promettenti nomi che hanno scelto di ritirarsi.

A loro mi rivolgo per un appello: continuate a danzare, a lottare, a sognare, noi artisti siamo in grado di fare grandi cose»

 

 

Alessandra Polselli e altri quindici sono i nostri capitani metropolitani.

Li abbiamo scelti in ogni settore perché i veri capitani sono ovunque.

Scoprili tutti qui