News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Architetti

di MASSIMO GIUNTOLI

Presidente dell'Ordine degli Architetti di Torino

La Casa dell’Architettura di Torino

Un progetto dal respiro europeo: la nuova sede dell’Ordine degli Architetti e della Fondazione per l’architettura sarà una Casa dell’Architettura, nel centro di Torino e aperta alla città

Torino, primavera 2020

A Torino nascerà la Casa dell’Architettura, la nuova sede dell’Ordine degli Architetti e della Fondazione per l’architettura, ma anche un luogo aperto agli architetti e ai cittadini, in cui si parlerà di architettura, di paesaggio e di città. Uno spazio di 1200 metri quadri in via Piave 3, all’angolo con via Garibaldi. La ricerca di una nuova sede è una necessità sentita da lungo tempo e per diverse ragioni; la sede attuale, occupata dal 1972, non risponde ai criteri minimi di accessibilità e non soddisfa più le esigenze della categoria. Vogliamo offrire agli architetti nuovi servizi e un luogo in cui potersi incontrare per ragioni lavorative o di svago, per confronti formali o davanti a una tazza di caffè, perché crediamo nell’importanza assoluta della costruzione di reti all’interno della comunità. Sarà una vera e propria casa dell’architettura sul modello delle capitali europee, con spazi per la formazione, per consentire agli iscritti incontri di lavoro e per organizzare riunioni dei focus group (le commissioni interne costituite da architetti), con una caffetteria e un bookshop dedicato all’architettura. Un luogo accessibile anche in orari diversi da quelli di apertura degli uffici, per garantire una fruizione differenziata. Sarà facilmente riconoscibile grazie a vetrine su strada e sarà un luogo aperto ai cittadini,con un cortile polifunzionale e spazi per ospitare mostre, eventi e iniziative pubbliche (al chiuso e all’aperto).

Il dialogo con i cittadini è una componente essenziale del progetto della Casa dell’Architettura. Vorremmo che la nuova sede diventasse un luogo frequentato non solo dagli architetti, ma dalla città, in cui tutte le persone che si occupano di architettura, che sono interessate o anche soltanto curiose, possano trovare una casa; vorremmo che diventasse un luogo di formazione per addetti ai lavori, ma anche di divulgazione per il grande pubblico attraverso conferenze, mostre e iniziative di tipo diverso; un luogo in cui sensibilizzare sul valore della qualità in architettura e promuovere il ruolo sociale dell’architetto, in cui si parlerà a tutti di architettura. Sarà inoltre un luogo di innovazione. All’interno della Casa, infatti, troverà posto una base operativa del Politecnico: Polito Studio, un progetto congiunto tra Ordine e Politecnico, finalizzato al trasferimento tecnologico e all’internazionalizzazione dei professionisti, con l’obiettivo di intercettare opportunità di lavoro. Ci saranno poi spazi per attività di aziende e stakeholder, dove sviluppare occasioni di visibilità e scambio e favorire la collaborazione tra settori e discipline diversi.

Accanto al progetto di una nuova sede, che sarà operativa nel 2023, stiamo lavorando a una nuova Fondazione: abbiamo nominato un nuovo Consiglio che unisce al suo interno architetti e membri della società civile, soggetti di alto profilo culturale, manageriale e imprenditoriale che potranno dare avvio a un nuovo corso nella gestione della Fondazione. A fianco di sei consiglieri dell’Ordine (Alessandra Siviero, che ricopre la carica di presidente, Cristina Coscia, Erika Morbelli, Giovanni Rosotto, Angioletta Voghera e io), il Consiglio è composto da: Giuseppe Bergesio, amministratore delegato di Iren Energia; Oscar Farinetti, imprenditore, fondatore di Eataly; Giulia Tosetti, vicepresidente, responsabile divisione arte di Tosetti Value – Il Family office; Paolo Turati, economista, docente presso SAA e UniTO, giornalista e saggista; Lamberto Vallarino Gancia, imprenditore, presidente della Fondazione Teatro Stabile di Torino.

MASSIMO GIUNTOLI

Libero professionista, è presidente del Gruppo Torino progetti e opera nel settore sicurezza e prevenzione per committenze pubbliche e private. E inoltre coordinatore e responsabile dell'Ufficio Ambiente di alcune associazioni di categoria ed è coordinatore tecnico del Dipartimento di Interior Design e docente di Ergonomia per il Corso di Laurea di livello dello IAAD di Torino. Dal 23 marzo 2016 è presidente dell'Ordine degli Architetti di Torino.