News

  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Claudio Moro: per Torino, un patto basato su competenza e fiducia - Leggi tutto
  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

#iosonotorino

di Claudio Sala

Claudio Sala: sogno di vedere il Museo del Grande Torino al Filadelfia

«Io penso che Torino sia uscita dall’esperienza di questi mesi con la consapevolezza di essere una città che sa rispettare le regole, disciplinata e concreta. Per questo auspico un modo di vivere affine a quello di certi Paesi orientali, come il Giappone. Ho legato gli anni più belli ed emozionanti della mia carriera alla storia granata e non posso che augurarmi il trasferimento del Museo del Grande Torino al Filadelfia, la nostra casa. Solo cosi celebreremo la leggenda nel luogo dove ha preso vita.

La città del futuro dev'essere policentrica, con lo sviluppo di tante opportunità differenti

A me non basta il trasferimento del museo a Torino, il mio sogno è vederlo al Filadelfia, non c’e nessun altro luogo dove posso immaginarmelo. Più in generale, spero che Torino confermi la sua tendenza policentrica, di città moderna non legata a una sola attività. Non ho nostalgia per la monocultura industriale, ma non vedo ancora uno sviluppo di tante opportunità differenti.

Quando si esce da un momento difficile e come se fossimo tutti più giovani, e Torino, anche se ha una storia antica, deve scegliere cosa fare da grande≫.

 

 

Claudio Sala

Campione leggendario della storia granata. Con il Torino disputa 286 gare tra il 1969 e 1980 realizzando 25 reti, aggiudicandosi la Coppa Italia del 1971 e lo storico scudetto del 1976. Nella sua carriera Claudio Sala ha anche vestito 25 volte la maglia della Nazionale. Con Pulici e Graziani formò uno dei tridenti più celebri della storia del calcio italiano. Gli assist per i due cannonieri, conseguenza di dribbling ubriacanti dalla linea di fondo e pennellate precise verso il centro dell’area, restano il suo gesto tecnico più pregevole. Ma di un repertorio proverbiale ricordiamo anche le punizioni ‘a foglia morta’, celebre quella del derby vittorioso con la Juventus nel 1972. Claudio, brianzolo, ha scelto l’amata Torino come città dove vivere.

 

Torino Magazine Speciale 2020.

In edicola e in libreria.