News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

#iosonotorino

di Fabrizio Corbera

L’ inchiostro

Torino, 29 marzo 2020

Me lo immagino e mi pare di vederlo, chino sui volumi giallognoli, alla ricerca del comma, la fronte imperlata dal sudore nel gesto di riscrivere per l’ennesima volta il capoverso per poi cancellarlo e rimodellarlo, più austero, contorto se possibile. Fuori infuria la battaglia, le infermiere quelle di Crimea corrono senza tregua, i medici dietro la mascherina nascondono la fatica, e sperano con gli occhi di non trasmettere la paura alle donne e agli uomini sulle barelle.

Fuori infuria la battaglia, le infermiere quelle di Crimea corrono senza tregua, i medici dietro la mascherina nascondono la fatica, e sperano con gli occhi di non trasmettere la paura alle donne e agli uomini sulle barelle

Al fondo del corridoio, in quella stanza buia, nello stesso istante, il burocrate continua il suo cavilloso esperimento, prova e riprova, perso nella punteggiatura, per poi misurare lo spazio per le firme di giustezza, trovare una sistemazione per le date, e per i timbri dell’autorità, simulacro dell’Italia che non cambia neppure sotto le bombe. Neppure se affacciandosi dalla finestra la città è vuota e si sentono solo le sirene.

Me lo immagino e mi pare di vederlo mentre alla luce del suo impassibile lume, il pennino nell’inchiostro, completa la sua nuova autocertificazione e, indifferente a qualunque rovina, soddisfatto la libera per il protocollo.