News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

#iosonotorino

di Fabrizio Corbera

Fenomeni da bar

Torino, 26 aprile 2020

Nei bar della mia epoca, nella mia amata Sicilia, era d’uso ascoltare aneddoti spesso inverosimili, resoconti di avventure con ‘fimmine’ eccezionali e racconti di imprese memorabili, dal tonno grande come una balena pescata a largo di Marzamemi al gol da calcio del terzino con una spaventosa fucilata in un semi deserto stadio del siracusano. Fenomeni da bar, insomma. Ecco la classifica al tempo del virus.

Dal tonno grande come una balena pescata a largo di Marzamemi al gol da calcio del terzino con una spaventosa fucilata in un semi deserto stadio del siracusano

Al quinto posto una zelante pattuglia di vigili toscani che hanno fatto la multa a una ragazza che andava a fare la spesa ma in tuta e sneakers; per loro infatti era più probabile stesse facendo footing piuttosto che la spesa e, poiché era troppo lontana da casa, zac verbale.

Al quarto posto i poliziotti che hanno fermato una dottoressa, questa sì perché faceva footing ma oltre duecento metri di distanza da casa, misurati. La dottoressa ha tirato fuori il decreto che non cita i duecento metri ma letteralmente riporta la dicitura “in prossimità”. Risposta dei poliziotti: faccia ricorso.

Al terzo posto la Stradale di Livorno che è riuscita a multare mamma e papà che portavano la bimba di otto anni a una visita dopo un trapianto di midollo osseo; non capivano se fosse “motivi di salute” o “situazione di necessità”, 530 euro di multa poi levata di corsa dalla Prefettura con tante scuse.

Al secondo posto i Carabinieri di Roma di controllo al Testaccio, che hanno rifilato 280 euro all’anziana in coda fuori dal supermercato ma seduta su una panchina. «Che fa seduta?» gli ha chiesto il carabiniere, «Soffro di osteoporosi» ha risposto l’anziana; ma voleva il certificato del medico.

Al primo posto i Vigili di Genova che hanno appioppato un multone all’infermiera di un ospedale Covid-19 che avendo ricevuto l’ordine di evitare di prendere i mezzi pubblici, si è fatta venire a prendere dal marito. Il Questore informato della cosa ha annullato di corsa il verbale.

Mi viene il dubbio che se avessero fatto le selezioni nei miei bar d’un tempo, avrebbero assunto fenomeni sì ma meno odiosi.