News

  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Carlo Emanuele Bona: Torino ancora al centro della filiera dell'editoria - Leggi tutto
  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

#iosonotorino

di Marco Vallario

Relazioni virtuali e virtuose

Torino, 20 aprile 2020

Relazioni, mai come ora ci stiamo rendendo conto di quanto siano importanti, a prescindere dalla loro natura. Come tante altre cose in questo momento, ci mancano gli sguardi, gli incontri, le strette di mano e gli abbracci, ci mancano le cene, gli aperitivi ma anche i pranzi e le riunioni di lavoro. Questa sarebbe la stagione migliore per godere delle nostre piazze, dei viali e dei giardini di questa incredibile città, anche solo durante uno spostamento quotidiano o una passeggiata sotto i portici, tra un appuntamento e l’altro, in settimana come nel weekend.

Non possiamo prescindere dalle relazioni, ma ognuno di noi sceglie liberamente di gestirle come meglio crede, ma il benessere, quello vero, passa proprio attraverso un loro uso sapiente

Luci e profumi tipici della primavera, giornate più lunghe e anche più calde dopo un inverno, quest’anno neanche mai arrivato, quando anche la settimana lavorativa assume un colore diverso, piacevole ai sensi. Sentimenti che appartengono a ogni Torinese che, seppur nella sua unicità, rappresenta un pezzo di qualcosa di più grande, di completo. È la capacità di costruire, gestire e consolidare i nostri rapporti l’ingrediente speciale, comune a tutte le persone di successo, grazie al quale è possibile coltivare quell’abilità con cui si può raggiungere il favore della gente in modo stabile e duraturo, anche in una città piuttosto piccola per commettere errori, eppur abbastanza grande da essere ogni giorno foriera di nuove conoscenze. Ed è la lungimiranza nello stabilire rapporti di valore la vera arte di chi sa costruire relazioni forti, mista a una capacità che va oltre l’intelligenza, la saggezza o la fortuna, al di la della bellezza e persino della ricchezza.

Pensate un istante a quante persone avete incontrato in gioventù che hanno suscitato la vostra ammirazione per l’incredibile intelligenza o vi hanno tolto il fiato per la loro invidiabile bellezza, ma sicuramente ne avrete a mente molte di più che senza alcuna caratteristica di spicco hanno saputo instaurare rapporti etici con il territorio, offrendo prima e ricevendo poi la vostra e la altrui stima. E dunque, sono le relazioni a guidare il nostro successo, a influenzare il nostro benessere rappresentando la nostra vera ricchezza. Sono le relazioni che vanno ricercate attraverso la presenza, il calore e la trasparenza, per non perdere l’opportunità di essere qualcuno, per ricevere il riconoscimento di chi merita grande fiducia.