News

  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Claudio Moro: per Torino, un patto basato su competenza e fiducia - Leggi tutto
  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

Pareri dei Lettori

Roberto Deideri

Originario di Castelnuovo Don Bosco, è orgogliosamente salesiano, ex alpino e altrettanto felicemente nonno di Aurora. È sales director di GS – Grandi Schermi, società che si occupa dell’organizzazione di eventi outdoor e indoor di tutte le dimensioni, noleggiando inoltre maxischermi video, impianti audio e luci, palchi e altre strutture. Ama giocare a golf e dal 2000 è delegato AGIS (Associazione Golfisti Italiani Seniores) al Royal Park I Roveri. Quando deve scegliere un ristorante tiene conto dell’atmosfera, che dev’essere familiare e raccolta, ed è convinto che la cortesia del personale sia un plusvalore irrinunciabile. Il suo piatto preferito? I paccheri al pomodoro del ristorante tristellato Da Vittorio di Brusaporto, vicino a Bergamo.

Consiglia

«Mi piace molto l'osteria Da Vittorio – L'ultima spiaggia, in corso Chieri, un locale con cucina tradizionale piemontese e atmosfera familiare: nel passato ha ospitato anche Salgari e Pavese. Per una cena dal sapore nipponico consiglio invece Shizen, in viale Thovez, e Legami – sushi and more, a Vinovo: i menù, ispirati alla tradizione giapponese e orientale, sono abbinati a un design moderno e contemporaneo. Ottima anche l’Antica Corona Reale di Cervere, nel Cuneese, ideale per gli amanti del gourmet: le sue proposte stagionali ripercorrono la storia e i gusti tradizionali della nostra regione, con rivisitazioni di qualità».