News

  • Alberto Sinigaglia: i canali di informazione, basilari per la rinascita - Leggi tutto
  • Christian Greco: la cultura per contribuire alla rinascita - Leggi tutto
  • Alessandro Bollo: le priorità su cui lavorare per il futuro - Leggi tutto
  • Claudio Moro: per Torino, un patto basato su competenza e fiducia - Leggi tutto
  • Giorgina Siviero: come può ripartire il commercio torinese - Leggi tutto
  • Sebastian Schwarz: vorrei un Regio senza barriere - Leggi tutto

#iosonotorino

di Stefano Geuna

Stefano Geuna: un ruolo centrale dell’Università nella Torino del futuro

«Torino ha bisogno di una visione di lungo periodo e di un progetto di sviluppo forte. L’Università avrà un ruolo centrale in quel progetto. Immagino, infatti, una Torino sempre più città universitaria. I giovani ben preparati sono il miglior investimento possibile per il futuro del nostro territorio. Spetterà poi alla governance politica realizzare le condizioni affinché questo prezioso capitale umano diventi un reale motore di sviluppo economico.

Bisogna puntare su una visione di lungo periodo e un progetto forte, combinando sostenibilità e innovazione. E l'Università avrà un ruolo centrale.

Una visione per Torino che abbia al centro le giovani generazioni dovrà contemplare due priorità in più: la sostenibilità ambientale come fine e l’innovazione come mezzo per realizzarla. La cura dell’ambiente nel quale viviamo esige politiche di cambiamento con obiettivo il welfare individuale e collettivo.

Serve attenzione alla salute e a nuove soluzioni per la mobilità. L’innovazione è ciò che risponde all’urgenza di metodi alternativi. Questa richiesta ci viene avanzata a gran voce dai protagonisti del futuro e oggi non possiamo più derogare».

 

 

Stefano Geuna

Stefano Geuna è il rettore dell’Università degli Studi di Torino. Specializzato in Neuropsichiatria infantile, insegna Anatomia umana alla Scuola di Medicina. È stato responsabile dell’Unità di Rigenerazione del Sistema nervoso periferico all’Istituto di Neuroscienze Cavalieri Ottolenghi. Ha diretto il Dipartimento di Scienze cliniche e biologiche. La sua attività di medico e di ricercatore si è concentrata su temi dalla profonda vocazione sociale. Come scienziato ha firmato oltre 230 pubblicazioni, vinto tre premi di ricerca, licenziato due brevetti. Nel corso della precedente legislatura accademica ha messo a disposizione la sua esperienza nella Commissione didattica e nella Commissione Ricerca dell’Ateneo torinese.

 

Torino Magazine Speciale 2020.

In edicola e in libreria.